Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 13:33

caos per 6 settimane

Migliaia di voli cancellati
la Borsa punisce Ryanair

il titolo GIù FINO al 5% Alla fine 400mila passeggeri a terra. Delrio: pretendiamo rispetto

Migliaia di voli cancellati la Borsa punisce Ryanair

ROMA - Migliaia di voli cancellati, con una media di 48 al giorno per sei settimane, per un totale di circa 400mila passeggeri coinvolti. E’ questa la dimensione del caos dei cieli europei che interesserà fine ottobre la compagnia Ryanair. Che a pochi giorni dall’avvio delle cancellazioni (da sabato), si precipita a rassicurare i propri clienti ma si prepara anche a pagare un conto salato da 20 milioni di euro per i rimborsi. E mentre la Borsa punisce il titolo della low cost (a Londra ha perso fino al 5%), la Commissione Ue dà voce ai timori dei consumatori e ammonisce la compagnia sul rispetto dei diritti dei passeggeri.

Ne pretende il «rispetto assoluto» anche l’Italia, con il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, che parla di situazione «molto grave» e avverte che «non possiamo fare sconti a nessuno per disagi così grandi». E anche l’Enac assicura che sta monitorando la situazione, e che al momento «non si stanno verificando problemi di operatività negli aeroporti italiani».

La decisione di cancellare una cinquantina di voli al giorno (meno del 2% del totale assicura la compagnia, che opera circa 2.500 voli al giorno) nelle prossime sei settimane per migliorare la puntualità, arrivata venerdì con un comunicato della compagnia, è stata spiegata a più riprese dall’a.d. Michael O'Leary. Le cancellazioni «avranno un impatto sulla nostra reputazione: le mie scuse ai nostri investitori ma anche soprattutto ai nostri clienti per l’incertezza o qualunque inconveniente causato nel week end», ha detto O'Leary, assicurando ieri in serata che «oltre il 98% dei clienti non sarà interessato dalle cancellazioni». Saranno comunque circa 400mila i passeggeri colpiti dagli stop, ha puntualizzato il ceo della low cost, assicurando comunque che la previsione è di garantire la riprotezione su un nuovo volo nello stesso giorno per il 75% dei passeggeri coinvolti. La motivazione ufficiale della cancellazioni è la programmazione delle ferie dei piloti e degli assistenti di volo per migliorare la puntualità, ma dietro sembra esserci il tema della «fuga» dei piloti ad altre compagnie.

Sul piede di guerra contro le cancellazioni i consumatori di tutta Europa, che stanno raccogliendo le proteste di migliaia di utenti per una lettera di diffida a Ryanair. E mentre la Spagna apre un dossier per il rispetto dei diritti dei passeggeri, in Italia i sindacati insistono sulla necessità di rispettare il diritto di ferie dei lavoratori e anche la politica alza la voce chiedendo l’intervento del governo e dell’Enac. Da registrare una nota di Aeroporti di Puglia: «La situazione non è in alcun modo legata a aspetti riconducibili ai rapporti commerciali tra la società e il vettore, ma è conseguente a un’autonoma decisione della compagnia».

Sulla questione interviene il deputato di Forza Italia, Rocco Palese: «L’Italia prenda posizione tempestivamente, come ha fatto il governo spagnolo. Sollecitiamo il ministro Delrio a riferire in Parlamento sulla vicenda. La Puglia versa alla compagnia aerea 15 milioni di euro l’anno».

Secondo il sen. Luigi d'Ambrosio Lettieri (Dit) «non basta l'indignazione del ministro Delrio, servono azioni concrete da parte del governo italiano per tutelare i diritti dei passeggeri, ma anche dei lavoratori».

Per Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, «quello che sta avvenendo in queste ore nel traffico aereo con i disservizi della Ryanair ha dell’incredibile».

Per quanto concerne i collegamenti da e per la Puglia, oggi sarà soppresso un Londra-Bari, domani un Brindisi-Bergamo e un Bergamo-Brindisi. Questi sono, al momento, stando a quanto si legge nel sito internet di Ryanair, i voli cancellati fino a domani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione