Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:25

feriti con bruciature sulla fronte

Esplosione in metro a Londra
«Una palla di fuoco nel treno»

Esplosione in metro a Londra «Una palla di fuoco nel treno»

ROMA - Torna il terrore a Londra: alle 8:20 di questa mattina, un’esplosione su un treno della metropolitana, nei pressi della stazione di Parsons Green ha fatto ripiombare la città nella paura. Secondo quanto riferiscono diverse fonti, numerose persone sono rimaste ferite, diverse delle quali al volto.

L’esplosione, secondo le prime informazioni, è scaturita da un secchio di plastica, trasportato in una grossa busta colorata.
Rapidamente sono giunti sul posto i soccorsi, con numerose ambulanze, vigili del fuoco e agenti di polizia, mentre Scotland Yard ha fatto sapere di aver avviato immediatamente le indagini.

Gli artificieri della polizia londinese sono stati quindi chiamati a disinnescare un secondo ordigno esplosivo trovato nella metropolitana di Parson Green, secondo quanto ha riferito il Daily Mail online.

Testimoni hanno riferito che il vagone della metro dove è avvenuta l’esplosione è stato invaso da «una palla di fuoco».
«Ho sentito urla e persone che fuggivano nella stazione di Parsons Green», ha detto un altro testimone. Circolano anche foto di feriti con bruciature sulla fronte.

«Ho visto una donna con ustioni sulla faccia e sulle gambe che veniva portata via in barella», ha raccontato la presentatrice della Bbc Sophie Raworth che si trovava alla stazione della metropolitana di Parsons Green dopo l’esplosione avvenuta a bordo di un treno della metro di Londra.

La giornalista ha raccontato del panico a cui ha assistito con decine di persone che, proprio nell’orario di punta, cercavano di allontanarsi dalla carrozza su cui si era udito un forte boato.

Rapidamente, le autorità londinesi hanno chiuso parzialmente la linea metropolitana District, che conta tra le sue fermate anche quella di Parson Green, tra le fermate di Earls Court e Wimbledon.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione