Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:42

In un convegno in Fiera

Cannabis, Emiliano: Regione Puglia
valuta produzione terapeutica

cannabis terapeutica

BARI - Cannabis 'made in Puglià per fini terapeutici, prodotta «con strutture pubbliche della Regione», è la «sfida» che il governatore pugliese, Michele Emiliano, lancia ai «luoghi comuni» ma anche al governo nazionale che esorta a intervenire sulla materia con rapidità: «Altrimenti - dice - lasci le Regioni libere di provvedere da sè».

Nel corso della 'Medical Cannabis Mediterranean Conferencè ospitata a Bari, in Fiera del Levante, Emiliano ha riacceso la discussione sulla Cannabis il cui provvedimento, per la parte relativa all’uso terapeutico, è fermo in Commissione. «Certo - evidenzia Emiliano - un Parlamento che si spaventa di discutere dello 'Ius solì, immagino come sarà felice di dover discutere su questo argomento». Per questo il governatore ritiene che occorra «far prevalere il diritto alla salute dei tantissimi malati che hanno bisogno del farmaco, i malati di Sla, chi ha un tumore o malattie neurologiche, ma non riescono a trovarlo».

In Italia, infatti, la coltivazione e la trasformazione della Cannabis è consentita solo allo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze. «Ma la quantità prodotta - precisa Emiliano - non soddisfa il fabbisogno interno e tutte le Regioni sono costrette ad acquistare il farmaco dall’estero», in particolare dall’Olanda, a costi più elevati e con tempi più lunghi per i pazienti che spesso devono interrompere la terapia. "Si aspetta che le forze armate producano una sufficiente quantità a un prezzo ragionevole - sottolinea Emiliano - ma questa produzione non parte, la discussione si inceppa, e ogni volta che tentiamo di ragionare a mente fredda su molti argomenti l’Italia si spacca stupidamente in due». Per Emiliano, poi, «il governo è molto frenato dai timori di polemiche che potrebbero emergere ove qualcuno sostenesse che questo è un modo surrettizio per arrivare alla liberalizzazione del consumo di droghe attraverso le prescrizioni mediche».

Allora la Puglia ha messo a punto una proposta di legge che dal prossimo 21 settembre sarà esaminata dalla Commissione regionale per la Sanità, e «che prevede l’avvio sperimentale di un centro di coltivazione e produzione di cannabis per fini terapeutici in Salento», nella terra degli ulivi martoriati dalla Xylella. «Non mi interessano gli attacchi che potrò subire - conclude Emiliano - e se nel frattempo il governo nazionale risolverà il problema, ne saremo felici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione