Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 15:00

Decine di trattori, raduno di fronte al «Tiziano»

Xylella, il giorno della protesta
gli ovicoltori invadono Lecce

Xylella, il giorno della protesta gli ovicoltori invadono Lecce

Foto Massimino

BARI - «Siamo stati dimenticati»: lo gridano gli olivicoltori della Puglia che in 500 hanno protestato oggi a Lecce sfilando in strada a bordo di trattori: sono stanchi, sfiniti dallo stato di crisi che da anni sta vivendo il settore, messo in ginocchio dalla Xylella fastidiosa, il batterio che ha colpito gli ulivi del Salento, alcuni dei quali, veri e propri 'monumenti' della natura con secoli di vita nei tronchi, stanno morendo, distrutti dalla malattia.

Olivicoltori, frantoiani, agricoltori, aderenti al «Comitato Olivicoltori salentini» sono scesi in piazza ancora una volta per chiedere alla politica di ricordarsi di quello che accade nella loro terra. In una lettera aperta al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, - l’ente accusato di non aver messo in campo strategie adeguate - il Comitato chiede una dichiarazione permanente dello stato di calamità naturale, passando da una gestione ordinaria ad una gestione straordinaria continuativa, sulla scorta dell’esempio di altre Regione colpite da eventi calamitosi importanti che hanno nominato un Commissario con poteri non ordinari.

«E' vergognoso - dicono gli olivicoltori -, siamo costretti ad abbandonare le nostre terre perché non riusciamo a sostenere tutte le spese». «Ed è vergognosa - aggiungono - l’indifferenza con cui è stato trattato il problema 'Xylellà sin da quando è comparso il primo focolaio». «Lo Stato - accusano - si deve rimboccare le maniche». Intanto i militari del Comando carabinieri Forestale Puglia hanno reso noto proprio oggi che per violazione delle norme europee, nazionali e regionali sulla prevenzione e il contenimento della diffusione del batterio della Xylella sono state comminate, dal primo maggio ad oggi, sanzioni per 841 mila euro nei confronti di 841 soggetti, fra privati ed enti pubblici. Su un totale di 3.600 controlli in poco più di quattro mesi, sono state accertate più di 1000 irregolarità, quasi uno su tre. Il maggior numero di accertamenti è stato concentrato nelle zone di contenimento e cuscinetto delle province di Brindisi e Taranto.

Per dare supporto agli olivicoltori alcuni consiglieri regionali hanno chiesto che si tenga al più presto una seduta monotematica del Consiglio regionale pugliese. In campo anche Confindustria Lecce: «La Xylella fastidiosa - tuona il presidente, Giancarlo Negro - non è un problema che riguarda e deve riguardare solo il Salento ma anche la Regione Puglia, l'Italia e l’Unione Europea. È una calamità che esiste da diversi anni e che sta depauperando progressivamente e in maniera irreversibile il nostro patrimonio olivicolo. È giunto il momento di intervenire in maniera energica e decisiva». Nonostante gli appelli condivisi, gli incontri e i confronti di questi ultimi quattro anni la moria delle piante continua e il batterio killer continua a diffondersi. Sono numerosi gli agricoltori che chiedono che sia consentito agli olivicoltori il reimpianto delle cultivar che resistono al batterio - Leccino e Favolosa - nelle zone in cui sono stati effettuati gli abbattimenti. Ma al momento tutto tace: gli ulivi continuano a morire e laddove prima c'erano le rigogliose e forti piante, orgoglio della Puglia, oggi c'è il deserto. (di Luisa Amenduni, ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione