Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 08:38

Il decesso al Giovanni XXIII

Bimba morta a Bari: non è Seu
«Forse acqua contaminata»

Le analisi sulla piccola di due anni di Corato: esclusa la presenza di tossina nei cibi. Forse ha bevuto acqua da un pozzo artesiano

Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, Via Giovanni Amendola, 207, 70126 Bari, Italia

Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari

Potrebbe essere acqua contaminata l'origine dell’infezione Seu che nei giorni scorsi ha causato la morte di una bambina di due anni di Corato. Il batterio ancora non è stato trovato ma le analisi di laboratorio hanno fino ad ora escluso la presenza della tossina killer nei cibi analizzati e indicati dai genitori della bambina (carni, prodotti lattiero-caseari e verdure).

Dal tavolo di crisi sulla sicurezza alimentare della Regione Puglia presieduto dal direttore del Dipartimento Politiche della salute e benessere sociale Giancarlo Ruscitti, riunitosi questo pomeriggio alla presenza di rappresentanti della Asl Bari, del Policlinico, dell’Arpa Puglia, dell’Istituto zooprofilattico, è emerso che non c'è allo stato alcun allarme di contaminazione o rischio per la salute di altri bambini.

Quello della piccola di Corato, morta lo scorso 24 agosto nell’ospedale Giovanni XXIII di Bari poche ore dopo il ricovero, resta un caso isolato e potrebbe essere stato provocato, ma si attendono ancora i risultati delle analisi, da acqua di una sorgente proveniente da pozzi artesiani. Proseguono intanto le analisi cliniche sul gemellino della bimba deceduta e sui genitori, per capire se, pur non avendo sviluppato la sindrome, i familiari risultino positivi alla stessa tossina che ha ucciso la bambina.

La Procura di Bari ha avviato accertamenti sulla morte della bambina, le indagini della magistratura barese dovranno accertare l’origine dell’infezione ed eventuali responsabilità connesse alla diffusione della tossina.  Dopo le verifiche affidate dalle autorità sanitarie regionali ad Arpa, Asl e istituto zooprofilattico, anche la magistratura barese ha delegato approfondimenti sul caso ai Carabinieri del Nas. Le indagini sono coordinate dal pm Grazia Errede, che ha già in corso l’inchiesta sulla Seu aperta dopo il decesso, nel giugno scorso, di una bambina di Altamura. In questa indagine si ipotizza il reato di omicidio colposo a carico di persone da identificare. Il Nas è stato ora incaricato di acquisire le cartelle cliniche e tutta la documentazione relativa al caso della bimba di Corato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione