Cerca

Sabato 16 Dicembre 2017 | 23:42

Controlli della Finanza in Salento sui proprietari che affittano nelle località più in voga

Gallipoli, case vacanza come pollai
stracolme, senza igiene e «in nero»

gallipoli

ROMA, - Vere e proprie 'case pollaiò, abitazioni senza i minimi requisiti igienico-sanitari e riempite all’inverosimile. E’ quanto ha scoperto la Guardia di finanza in Salento, nell’ambito dei controlli avviati dal 1 luglio sui proprietari di seconde e terze case che affittano nelle località di vacanza più in voga.

Delle 811 verifiche effettuate dai finanzieri in tutta Italia una su due è risultata irregolare, con 450 violazioni riscontrate. Di queste, 370 hanno riguardato affitti in nero.

La maggior parte delle abitazioni fuori da ogni regola sono state scoperte a Gallipoli, una delle mete più gettonate di tutto il Salento e tra le località balneari più in voga tra i giovani.

Durante i controlli, i finanzieri si sono imbattuti in case dove non c'erano requisiti igienici, erano affittate in nero e riempite soprattutto di ragazzi tra i 16 e i 28 anni.

In un caso, ai giovani era stato affittato anche un deposito con un piccolo bagno, senza finestre né impianto di areazione.

In 27 appartamenti, i militari della Guardia di finanza hanno trovato 181 giovani turisti, 15 dei quali minorenni, provenienti da ogni regione. In 24 dei 27 appartamenti controllati a Gallipoli, è stata accertata la violazione all’ordinanza comunale riguardante il divieto di sovraffollamento (rapporto tra numero di inquilini e superficie abitabile). La sanzione è stata pari a 350,00 euro per ogni persona in eccedenza, oltre all’emanazione di un’ordinanza comunale di sgombero, anche coattivo, dei locali sovraffollati.

In un garage, accatastato come magazzino, senza finestre e impianti di areazione, con un bagno realizzato con pareti in cartongesso, sono stati trovati quattro giovani turisti: è questo uno dei casi più eclatanti.

I quattro ragazzi avevano pattuito un prezzo complessivo di 450 euro per stare a Gallipoli una settimana. Gli affitti di solito, per una abitazione di 60mq che potrebbe ospitare 5, al massimo sei ragazzi, variano dai 2.600,00 euro ai 2.800,00 euro a settimana.

«Arrivano a Gallipoli, una delle località balneari più in voga tra i giovani, pieni di entusiasmo ma spesso poi rimangono delusi da come vengono ospitati: le stanze non sono quelle che venivano vendute nei siti internet, sono più piccole e anguste ma i ragazzi pur di non rinunciare alle vacanze si accontentano. Quando però arriviamo, collaborano con noi e questo è un dato assolutamente positivo», affermano gli investigatori della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Lecce. «Tanti - raccontano ancora gli investigatori - passano anche in caserma per segnalare la mancata consegna di ricevute, o denunciano di aver trovato una stanza diversa da quella pattuita: i ragazzi collaborano e spesso anche presentano denunce».

Una volta scoperto il sovraffollamento viene emessa, così come previsto dal Comune di Gallipoli, una ordinanza di sgombero.
Un altro dato che emerge quest’anno rispetto agli anni passati è che è sensibilmente diminuito il fenomeno dei ragazzi che dormono in spiaggia o sui tetti dei palazzi. «Sicuramente un risultato ottenuto - dicono gli investigatori della Guardia di finanza - grazie al continuo intensificarsi dei controlli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • revisore

    12 Agosto 2017 - 11:11

    Spiagge sovraffollate con incassi sbalorditivi e costi demaniali insignificanti per non parlare di tasse eluse.Camere affittate a prezzi esosi senza contratti,senza adeguate misure igieniche e di sicurezza.Una vera e propria Jungla estiva,il nuovo turismo in Puglia.La Capone può andarne fiera.

    Rispondi

  • salento2017

    12 Agosto 2017 - 11:11

    Gallipoli è la feccia del turismo e dell'accoglienza

    Rispondi

  • Lucky

    12 Agosto 2017 - 10:10

    Era ora...ma vale anche in altre zone d'Italia.....

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione