Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 17:50

Roma

Tangenti per appalti sanità
libero imprenditore barese

Tangenti per appalti sanità  libero imprenditore barese

BARI - Il Tribunale di Roma ha revocato gli arresti domiciliari all’imprenditore barese Carlo Maria Martino, ex amministratore unico della società Tecnomec, coinvolto nell’indagine su presunte tangenti in cambio di appalti nella sanità romana.

Nell’ambito di questa inchiesta nel marzo scorso furono arrestate nove persone (3 in carcere e 6 ai domiciliari) per i reati di corruzione e turbativa di gara pubblica per l'assegnazione di opere manutentive di strutture sanitarie. Tra gli altri dieci indagati c'è anche il deputato Antonio Angelucci e l’ex giudice, ora in pensione, Amedeo Franco.

Al centro dell’inchiesta dei Carabinieri del Nas ci sarebbe "una ramificata rete di reciproche facilitazioni affaristiche finalizzate alla realizzazione di profitti e vantaggi personali, perpetrate mediante traffici di influenze e la redazione di false attestazioni». Nelle scorse settimane la Procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato con udienza fissata per il 14 novembre dinanzi al Tribunale di Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione