Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 19:45

Discoteche e sballo

Notti folli in Salento, soccorsi 4 ragazzi in coma etilico

Altri due 17enni (in vacanza a Gallipoli) arrestati a Santa Cesarea terme: spacciavano pasticche

Notti folli in Salento, soccorsi4 ragazzi in coma. Altri tre 17enniarrestati: spacciavano pasticche

Le notti folli del Salento continuano a far discutere. La scorsa noitte altri quattro giovani sono stati soccorsi perchè trovati in coma etilico a Castro, Santa Cesarea e Baia verde, a Gallipoli. Tutti ragazzi colti da malore dopo le 4 del mattino al termine di una serata all'insegna dell'eccesso e dello sballo.

A questo si aggiungono gli arresti di tre minorenni di Avezzano, tutti soggiornanti a Gallipoli, ma bloccati nel parcheggio di una discoteca di Otranto mentre spacciavano pasticche di Mdma. Quando hanno visto i carabinieri, le ragazze hanno dato segnali di nervosismo: due di loro B. D., classe 2000 e C.D.F. avevano complessivamente 23 dosi di MDMA ed un flacone di popper. Svariate e vaghe sono state le versioni fornite dalle minorenni in ordine alla provenienza delle sostanze, pertanto al termine delle formalità di rito, sono state tratte in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione del P.M. dei minori, accompagnate presso il centro di prima accoglienza femminile di Bari.

Nel corso della nottata è stato poi fermato un gruppetto di tre persone, notate dai militari armeggiare con degli involucri di cellophane. Alla vista dei militari, uno di questi ha letteralmente ingerito un involucro che poi ha dichiarato essere sostanza stupefacente precedentemente acquistata dagli altri due. Fermati e sottoposti a controllo, a seguito di perquisizione personale uno dei due, Giuseppe Schito, classe 1978, di Lecce, pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti, è stato trovato in possesso di tre dosi di sostanza stupefacente del tipo eroina, nonché la somma in contanti di euro 185, sottoposta a sequestro unitamente alla droga poiché ritenuta provento dell’attività illecita di spaccio. Anche la donna che era in sua compagnia, B.B., classe 1976, di Lecce, già nota alle forze dell’ordine, è finita nei guai per concorso nel reato unitamente a Schito, e pertanto deferita in stato di libertà per il medesimo reato.

Il servizio ha portato altresì alla segnalazione al prefetto di Lecce di ulteriori 8 persone per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti, con il recupero e sequestro amministrativo di 1,5 grammi di cocaina, 8,5 gr di marijuana, circa 2 grammi di hashish, 1,2 di mdma ed uno spinello già confezionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione