Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 05:30

Comune di Alberobello

Bando per addetto stampa
Sindacato: «E' illegittimo»

Bando per addetto stampaSindacato: «E' illegittimo»

L'Assostampa Puglia interviene su un bando del comune di Alberobello per un addetto stampa ritenuto illegittimo. «Non sono evidentemente serviti - precisa il presidente, Bepi Martellotta - i consigli del sindacato dei giornalisti pugliesi, su esplicita richiesta del vicesindaco di Alberobello, ad impedire alla Città dei trulli di pubblicare sull'Albo pretorio un bando palesemente illegittimo. Nel bando non solo si prevede una prestazione part-time a 18 ore - come se il sindaco e la sua giunta, le cui attività dovrebbero essere comunicate dall’addetto stampa in continuità, lavorassero per l'amministrazione solo a metà tempo - ma anche una corsia preferenziale per i soli pubblicisti, dimenticando in un sol colpo la legge professionale 69 del '63, i principali dettami della Costituzione e il più recente protocollo d’intesa concordato dall’Anci e dalla Federazione della Stampa sul reclutamento di personale giornalistico negli enti locali».

«Per di più - rileva il sindacato in una nota - il ruolo di addetto stampa viene identificato come 'addetto alle relazioni esterne e istituzionalì, in netta contrapposizione con quanto prevede la legge 150/2000 sull'attività di comunicazione nella p.a e sul ruolo di pubblicisti e professionisti. Ciò che più colpisce, però, è la celerità con la quale gli zelanti funzionari del Municipio hanno inteso mandare in pubblicazione un bando che i vertici dell’amministrazione, nelle stesse ore, dichiaravano di voler approfondire proprio per individuare - d’intesa col sindacato - il percorso più opportuno. Ovvio che tale decisione comporterà ricorsi da parte di tutti coloro in quali sono o saranno interessati a partecipare entro la scadenza del 24 agosto. E, soprattutto, un esborso per la gestione legale dei contenziosi da parte del Comune che, a dir poco, confligge col tentativo di risparmio adottato richiedendo una prestazione part-time per l’attività giornalistica».

«Chiediamo, pertanto, al sindaco Longo - conclude l'Assostampa - di revocare in autotutela quanto prima la procedura di evidenza pubblica adottata e, laddove vi siano scelte «sartoriali» da seguire, cucite su misura per il pubblicista di turno beneficiario del bando, di assumersene la responsabilità sulla base di ciò che gli è consentito dalle norme, tramite chiamata diretta nel proprio staff. Se, invece, si parla di concorso pubblico, che almeno lo si faccia nel rispetto della legislazione vigente e delle norme che regolano l'accesso alla professione giornalistica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione