Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 09:24

in ballo il futuro dell'impianto

Serve un restyling
allo stadio di Bari
Lunedì un incontro

Stadio San Nicola ai privati ma con lo sponsor nel nome

BARI - Lo stadio San Nicola perde «petali» e mostra tutti i segni del tempo (è stato inaugurato nel 1990): per porre rimedio il Bari ha presentato a Palazzo di Città uno studio di fattibilità al fine di illustrare il progetto di ristrutturazione dell’impianto disegnato da Renzo Piano, proponendo all’amministrazione comunale di intraprendere il percorso per una concessione pluriennale. Su questo tema è convocato lunedì prossimo alle 16,30 il Consiglio comunale.

All’ordine del giorno c'è per la monotematica questo punto: «Proposta della F.C. Bari 1908 inerente la concessione pluriennale dello stadio San Nicola: discussione». Allo stato la documentazione fornita dal presidente del Bari Giancaspro, prendendo anche spunto dallo studio simile presentato per lo stadio di Cagliari, non è ritenuta adeguata dall’amministrazione per avviare un percorso che porti all’approvazione di un progetto articolato nel quale si prevede la costruzione di due strutture vicine all’impianto sportivo, la cittadella dello sport e un ospedale specializzato in traumi sportivi. Il club, che ha la partnership con Osram e Siemens Bank, ha assunto l’impegno di implementare i documenti finora presentati.

Lunedì il consiglio comunale discuterà del futuro dell’impianto, per il quale è stata rinnovata la concessione annuale (contestata dalle opposizioni). E’ possibile che la seduta si concluda con la votazione di un ordine del giorno che fissi i paletti temporali e contenutistici per proseguire nell’iter che porterebbe al restyling dell’Astronave di Piano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • massimovolt

    08 Luglio 2017 - 12:12

    Come mai il restyling è sempre necessario alle strutture moderne progettate da architetti di fama mondiale e mai a quelle strutture realizzate nel passato da maestranze analfabete??

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione