Cerca

Lunedì 18 Dicembre 2017 | 15:54

la denuncia

«L'Asl non paga
il servizio 118 alle Tremiti
affidato ai volontari»

FOGGIA - «L’Asl non paga - denuncia il sindacato Usppi - la Confraternita Misericordia di Lucera lascia la postazione del 118 delle Isole Tremiti e licenzia 14 operatori sanitari fra infermieri e autisti soccorritori. Nel frattempo subentra un’altra associazione, l’Avas che attualmente gestisce la postazione delle Tremiti con volontari e lavoratori part-time». Secondo il sindacato «è scandaloso che in piena estate, con il quadruplicarsi dei turisti, il servizio di emergenza urgenza di Tremiti debba essere gestito da associazioni che utilizzano volontari con poca esperienza senza essere assunti e mal remunerati. Ma ancor più scandaloso - insiste l’Usppi - è che siano stati licenziati 14 operatori, alcuni con esperienza ultradecennale nel settore, ora in attesa di essere riassunti dall’associazione subentrata». Il sindacato chiede all’Asl di «vigilare su quanto accade alle Tremiti» e di «farsi garante del servizio sanitario nelle isole, fiore all’occhiello della Puglia, in estate viene visitate da migliaia di turisti al giorno. Il direttore generale Piazzolla - l’appello dell’Usppi - affidi il servizio a Sanitaservice, non si può tollerare che uno spicchio di Puglia sia gestito da un servizio 118 affidato ad associazioni di volontariato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione