Domenica 22 Luglio 2018 | 10:55

Festival a Ceglie Messapica

Preti contro suore a calcio
e alla fine i bambini
fanno invasione di campo

partia di calcio preti contro suore

CEGLIE MESSAPICA (BRINDISI) - Più di 5mila persone hanno preso parte alla terza giornata del Festival dei giochi di Ceglie Messapica, che ha avuto fra i momenti più seguiti la Partita della Salvezza dedicata al vescovo di Molfetta, il prete di strada don Tonino Bello. In piazza Plebiscito si sono fronteggiati i parroci della città e le suore della comunità di accoglienza per migranti, Villa Aurora. Le due squadre in abito talare hanno dato spettacolo in una accesissima partita a calcetto e la competizione che avrebbe dovuto avere una durata simbolica è andata avanti per più di un’ora, con un’invasione di campo da parte dei bimbi ospiti della struttura e delle ragazze della comunità somala che hanno preso parte attiva al gioco. Risultato: 15 a 9, ma nessuno sa chi ha vinto.

Il Festival dei giochi è nato 13 anni fa da un’idea di Mirko Lodedo, mattatore della associazione Casarmonica attiva tutto l'anno nella programmazione dell’evento che punta a recuperare la dimensione comunitaria dell’esperienza ludica e trasforma la città dell’entroterra brindisino nel Paese dei balocchi. Giochi di strada della tradizione, dai carrettoni al tiro con l’arco, dalla gara dei fischi al tiro alla fune vanno in scena nel centro storico coinvolgendo i bambini ma anche gli adulti. Altro momento caldo, un grande classico della manifestazione: la cuccagna. Le squadre in gioco si sono avvicendate nella scalata al palo alto otto metri issato in largo Ognissanti e ancora una volta a vincere il bottino in cima alla cuccagna è stata la squadra capeggiata da Reda. Reda è un cittadino albanese che da tempo vive a Ceglie Messapica, che conta al proprio attivo un medagliere di 10 vittorie consecutive su 13 edizioni. Nel 2013 Reda si issò in cima al palo della cuccagna rifiutandosi di scendere fino a quando qualcuno non gli avesse offerto un lavoro: 24 ore dopo Reda lavorava in una delle officine della città.

La manifestazione torna in piazza oggi e domani. Questa sera è il momento del Grande tiro alla fune: nella scorsa edizione 1.200 persone hanno preso posto sfidandosi intorno a una corda di 500 metri che collega le due piazze principali della città. Il domani gran finale con la Gara dei carrettoni e l'ultimo rush della Cuccagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Gianvito Giannelli e Marcello Danisi

Calcio, ecco i 20 imprenditori baresi pronti a rifondare il Bari: valgono 500 mln Foto: tutti tifosi da una vita

 

Bari calcio, Decaro alla festa dei tifosi a Pane e Pomodoro: 7 giorni per fare tutto Il video

 
Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

 
Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

 
Ristorazione, l'azienda Ladisaconferma trend crescita: +24%

Ristorazione, l'azienda Ladisa conferma trend crescita: +24%

 
Andria, mutilato il CrocifissoL'ira del vescovo: fatto grave

Andria, mutilato il Crocifisso
L'ira del vescovo: fatto grave

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS