Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 08:19

il progetto

Ecco Egnazia rivisitata
con gli occhi del futuro

Dal 7 luglio al 6 agosto «lo spettacolo dell'archeologia»

egnazia

di LIVIO COSTARELLA

Tra gli storici greci e romani è citata da Plinio, Strabone e Orazio. Il vecchio porto e la Via Traiana sono stati inoltre un attivo centro di traffici e commerci. È l’antica città di Egnazia (tra Savelletri e Fasano), tra i più belli e suggestivi siti archeologici italiani, che dal 7 luglio al 6 agosto tornerà a risplendere nell’evento «Drawing Egnazia. Lo spettacolo dell’archeologia»: un’esperienza di grande partecipazione emotiva per rivivere gli ambienti del passato con la moderna tecnologia. Il progetto è ideato dal «SAC - La Via Traiana» (Sistema Ambientale e Culturale) e finanziato dalla Regione Puglia: è stato realizzato dal CETMA (Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie, Design e Materiali), in collaborazione con il MiBACT - Polo Museale della Puglia, e Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia «Giuseppe Andreassi» -, con Time Zones, il supporto promozionale di Sistema Museo e l’assistenza tecnica di Profin Service.

Per cinque fine settimana, dal venerdì alla domenica, dal tramonto alle 23, ci si immergerà in ricostruzioni di ambienti del passato del Parco archeologico di Egnazia: il luogo si trasformerà inoltre in contenitore per diverse attività, da dibattiti culturali a concerti live, da laboratori esperienziali a rievocazioni storiche. «Egnazia si riappropria finalmente della sua identità – ha spiegato l’assessore regionale Loredana Capone nella conferenza stampa di ieri a Bari -, del valore e del rapporto che ha con la comunità e i turisti: si ripropone, quindi, anche e soprattutto secondo le nuove tecnologie, con tecniche di visite esperienziali e con workshop, seminari e attività culturali. Ma è anche un grande investimento per i cittadini pugliesi». Sono intervenuti anche Aldo Patruno (direttore regionale del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio), Fabrizio Vona (Direttore Polo museale della Puglia), Angela Ciancio (Direttrice del Museo e del Parco archeologico di Egnazia), i soggetti coinvolti nell’organizzazione (il responsabile CETMA Italo Spada, il presidente VivArch Mimmo Lorusso e il direttore artistico di Time Zones Gianluigi Trevisi) e le istituzioni dei comuni di Ostuni (il sindaco Gianfranco Coppola e l’assessore al Turismo Nichi Maffei) e Fasano (l’assessore alla Cultura Annarita Angelini).

L’evento trasformerà il Parco archeologico in un’installazione video-artistica con soluzioni tecnologiche multimediali e ricostruzioni digitali, per richiamare le architetture originali. Sul profilo delle antiche vestigia prenderanno vita visioni notturne in 3D con l’ausilio della «realtà aumentata»: le proiezioni murali ricostruiranno i luoghi del passato, mentre una sala interattiva all’interno del Museo mostrerà la ricostruzione della Tomba a Camera «del Melograno»; e poi ancora vi saranno gli ologrammi, i colori e la potenza delle immagini, per rendere la scoperta del parco un’esperienza in grado di catturare tutti i sensi.

«Drawing Egnazia si inserisce nel contesto di un progetto pluriennale – ha detto Gianluca Bellucci, presidente di Sistema Museo, soggetto gestore del SAC “La Via Traiana” -, con la realizzazione di circa mille attività esperienziali destinate ad ogni tipo di fruitore, in un percorso virtuoso di collaborazione tra enti pubblici e soggetti privati. Punteremo per questo alla destagionalizzazione dei flussi e delle proposte».

Tra i tanti ospiti che parteciperanno dal 7 luglio al 6 agosto (info su www.laviatraiana.it, biglietto a 5 euro per ogni singola serata, infotel Sistema Museo 0744.422.848 – 080.414.02.64), gli archeologi Raffaella Cassano e Teodoro Scarano, i giornalisti Carlo Freccero e Gianni Minà, e diversi concerti prestigiosi: dal pianista Arturo Stalteri, al vocalist haitiano Vox Sambou, dal gruppo «psichedelico» cileno dei Chicos de Nazca al duo belga Belem, dall’ensemble di musica classica indiana Jugalbandi all’unica data europea (il 28 luglio) dello storico gruppo californiano dei Tuxedomoon.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione