Domenica 22 Luglio 2018 | 20:38

siccità in basilicata

Dighe in grave deficit
ma l'acqua sarà garantita

Le contromisure della regione. Negli invasi lucani ci sono attualmente poco meno di 346 milioni di metri cubi

diga lucana

di GIOVANNA LAGUARDIA 

Acqua garantita per i campi e per i cittadini malgrado la grave situazione di siccità in cui versa la Basilicata a causa del caldo precoce e della mancanza di piogge. Ieri il presidente della Giunta regionale di Basilicata, Marcello Pittella, insieme agli assessori Luca Braia (Agricoltura) e Francesco Pietrantuono (Ambiente), ha fatto il punto sulla situazione degli invasi con gli esponenti del mondo agricolo e con i giornalisti. Nel corso dell’incontro sono state illustrate una serie di misure di breve, medio e lungo termine, per ottimizzare uso e distribuzione dell’acqua. Se la situazione dovesse precipitare, inoltre, il presidente non ha escluso «un incontro con la Puglia, come estrema ipotesi, per verificare l’uso dell’acqua in base agli accordi Giunta».

Pittella, nell’invitare tutti ad un uso responsabile della risorsa idrica, ha chiarito che, sebbene la situazione non sia rosea, gli invasi lucani non si trovano nella situazione di grave crisi riscontrata nel 2001 e che non vi saranno turnazioni per le coltivazioni o razionamenti della risorsa.

Allo stato attuale, il volume di acqua invasata all’interno delle dighe di Monte Cotugno, Pertusillo, San Giuliano, Camastra, Basentello e Gannano è pari a poco meno di 346 milioni di metri cubi, contro una capienza totale di circa 146 milioni. Dunque, poco meno della metà. Rispetto allo stesso periodo del 2016 mancano all’appello circa 161 milioni di metri cubi. Rispetto alla gravissima siccità del 2001 oggi la disponibilità idrica è pari a circa 50 milioni di metri cubi in più. Giornalmente vengono utilizzati oltre 1,6 milioni di metri cubi.

Nel corso dell’incontro sono state anche illustrate le misure per rendere più razionale l’utilizzo dell’acqua. Tra queste, l’apertura della traversa del Sarmento che, dopo 35 anni di attesa, potrebbe essere resa operativa in settanta giorni e che permetterebbe di «guadagnare» 46 milioni di metri cubi di acqua, e l’eventuale utilizzo a scopo irrigui e potabile della diga di Cogliandrino (pagando un ristoro all’Enel, proprietario dell’impianto, che nel caso dovrebbe sospendere la produzione di energia elettrica), per una disponibilità di altri 36 milioni di metri cubi di acqua. Altre contromisure, che però produrrebbero i loro effetti nelle prossime stagioni, sono l’accelerazione della valutazione di impatto ambientale della traversa del Sauro, il completamento della condotta del Marascione e del cosiddetto Distretto G per il completamento dello schema idrico Basento - Bradano e inoltre il completamento della conturizzazione delle utenze agricole e un audit sul fabbisogno in base al cambiamento di clima e alla diversificazione delle colture. Il commissario dei consorzi di Bonifica Musacchio ha anche annunciato la costituzione di una «anagrafe» delle colture, per distribuire la risorsa idrica con razionalità, in base ai cicli agronomici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS