Cerca

il dato

Scuole 2.0, in Basilicata
14 su 35 in tutta Italia

scuola 2.0

POTENZA - In Basilicata sono 14 le «Scuole 2.0», con una dotazione tecnologica innovativa - su 35 in tutta Italia - e circa 300 le classi di questo tipo, per un investimento complessivo che, nella seconda fase del progetto, è stato di circa 3,5 milioni di euro.
I dati sono stati resi noti stamani, a Potenza, nel corso di un incontro sulla «Scuola 2.0» che si è svolto nella sede dell’Unibas.

Le «Scuole 2.0» sono istituti in cui tutte le classi sono state dotate di strumentazione innovativa, a cui si aggiungono singole classi, in altri istituti, che sono rientrate nell’iniziativa. Sono stati acquistati complessivamente seimila tablet, 700 notebook, 250 schermi interattivi e 250 carrelli. Nel corso dell’incontro è stato anche firmato un accordo tra la Regione, l’Ufficio scolastico regionale e i singoli istituti per la realizzazione del «Distretto 2.0», ovvero una piattaforma che raggruppa le strutture per percorsi di innovazione e di formazione: «Si tratta - ha detto l’assessore regionale alla formazione, Raffaele Liberali - di un accordo importante e nelle prossime settimane si aprirà un’intesa con il Miur e con l'Ufficio scolastico per far rientrare gli istituti lucani nell’Agenda digitale del governo».


Con l’accordo «si definiranno quindi le procedure per ampliare il numero di scuole - ha spiegato il responsabile del progetto 'Scuola 2.0', Salvatore Panzanaro - partendo da una percentuale altissima di adesioni nelle prime due fasi». Nel corso della presentazione, il Rettore dell’Unibas, Aurelia Sole, ha spiegato che «l'Ateneo sta portando avanti un’intensa attività di orientamento per facilitare l’ingresso dei giovani nell’Università, e il tema dell’innovazione tecnologica è per noi fondamentale non solo per la didattica ma anche per la 'crescità dei nostri studenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400