Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 10:59

agricoltura salentina

Annata d'oro per le angurie
«Sarà un raccolto di qualità»

Piccinno: «Il mercato locale privilegi la produzione made in Salento»

LECCE - Annata eccezionale per la raccolta delle angurie salentine. Forse non imbattibile per la quantità di frutti, ma sicuramente memorabile per la loro qualità. I 1.500 ettari di terreno destinati a questa coltura produrranno circa 900mila quintali e 25 milioni di euro di fatturato. Una serie di particolari condizioni climatiche hanno determinato un raccolto di prima qualità, dunque. Nei prossimi giorni, nei comuni a maggior vocazione per questa coltivazione (Nardò, Galatone, Copertino e Parabita) si entrerà nel periodo-clou della raccolta, il cui arco temporale va da giugno ad agosto. Numeri di tutto rispetto: 1.500 ettari coltivati, di cui circa 200 destinati alla produzione di baby-angurie, una varietà con frutti di piccole dimensione (al di sotto degli 8 chili), molto richiesta dai mercati del Nord Europa (Germania, Francia, Inghilterra in primis).

La resa produttiva è mediamente di 600 quintali ad ettaro, per un totale di 900mila quintali ed un valore di 25 milioni di fatturato. Questa coltura, che è ormai da tempo una delle eccellenze del Salento, attiva 75mila giornate lavorative. La varietà più comune tra quelle coltivate è la Dumara il cui frutto è un’anguria ibrida di forma allungata ovale e dal peso medio di oltre 10 chili. La buccia si presenta di colore verde striato, è molto consistente e si presta bene ai lunghi trasporti. Si consuma fresca, da sola o utilizzata come ingrediente per macedonie o per la preparazione di marmellate, confetture, dolci, sorbetti e gelati. Presenta una buona quantità di vitamina A, vitamina C e potassio.

«Ci sono tutte le condizioni perché sia un’annata importante per la produzione di angurie salentine - dicono il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno e il direttore Giuseppe Brillante – Il nostro appello è che il mercato privilegi i nostri prodotti che danno garanzie di una qualità elevata e del rispetto delle regole di salubrità poiché l’intero settore è sottoposto a controlli capillari degli organismi preposti per il rispetto delle norme sanitarie».

«La quantità sarà inferiore rispetto allo scorso anno - ribadisce Antonio Durante, dell’azienda «Nature» di Nardò» - a causa di due mesi, marzo ed aprile, molto freddi e piovosi. Ma come qualità siamo assolutamente ottimisti».

L’anguria è peraltro il frutto principe dell’estate. Mangiandola possibilmente fresca o perfino fredda, permette in pochi minuti di recuperare i sali minerali persi con l’inevitabile sudorazione. Uno dei tanti benefici che arrivano da questo frutto voluminoso quanto prezioso, composto per il 95 per cento di acqua, combinata con il licopene, antiossidante tipico del pomodoro, in grado di conferire alla polpa dell’anguria la colorazione rossa. Rinforza inoltre il sistema immunitario, ha proprietà antinfiammatorie, depura l’organismo, migliora l’aspetto della pelle e dei capelli, aiuta la circolazione e la solidità delle ossa.

La polpa dell’anguria contiene inoltre vitamine A e C, potassio, fosforo e magnesio. La presenza di vitamina C e potassio in particolare ha un’azione depurativa e detossificante che rende l’anguria un frutto ideale per contrastare in maniera naturale la ritenzione dei liquidi, il gonfiore alle gambe e l’ipertensione. È inoltre ricca di carotenoidi in grado di combattere l’azione dei radicali liberi e quindi l’invecchiamento delle cellule. Tra questi, il licopene, un nutriente importante in quanto sarebbe in grado di ridurre il rischio di ammalarsi di diversi tipi di cancro. [s.lop.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione