Cerca

Lunedì 18 Dicembre 2017 | 19:44

A caracas

Venezuela, arrestato paramedico molfettese: «Soccorreva manifestanti». «E' un terrorista»

Angel Faria Fiorentini, 25 anni, stava prestando cure durante un corteo antigovernativo nella capitale venezuelana

Venezuela, arrestato molfettesesoccorreva manifestanti

NICOLA PEPE

Per le autorità venezuelane è un terrorista che ha preso parte a una manifestazione contro il governo, per gli amici e i suoi legali è un paramedico che svolgeva il suo lavoro. Un paramedico italiano, Angel Faria Fiorentini, 25 anni, originario di Molfetta (Bari), è detenuto da giorni in un distretto di Caracas. Il giovane (madre italiana, padre venezuelano) sarebbe detenuto al posto di comando della Guardia nazionale di Chacao, il distretto della capitale venezuelana Caracas dove era stato fermato. Il consolato di Caracas - la Farnesina segue con massima attenzione il caso - è in contatto costante con la famiglia e il legale del connazionale e sta cercando di organizzare una visita: contattato telefonicamente da La Gazzetta del mezzogiorno.it (ore 16.35 ora italiana, ore 10.35 ora locale) , l'avv. Andrés Perillo ha riferito di essere davanti alla sede della Guardia nacional in attesa di poter incontrare il giovane. "Siamo in una fase delicata - ha detto - ma al momento non posso aggiungere altro".

Secondo le ricostruzioni di due suoi amici, Angel è stato arrestato lunedì 12 giugno a Chacao, uno dei cinque comuni che compongono il distretto metropolitano della capitale venezuelana. E secondo Andrés Perillo, uno dei suoi avvocati (anche lui figlio di pugliesi emigrati in Venezuela), durante l'udienza preliminare il ragazzo è stato accusato addirittura di terrorismo. "E' una cosa inconcepibile, fuori dal mondo, basata su accuse assolutamente insensate o inventate. Ora Angel rischia tantissimo. Ma è innocente, non ha fatto nulla".

Il 12 giugno stesso (l'alba del 13 in Italia) il ministro dell'Interno venezuelano Néstor Luiz Reverol ha postato una foto su Twitter dei 24 arrestati: "Ecco i delinquenti della destra terrorista, responsabili degli atti vandalici di Chacao". Secondo suoi amici contattati, Angel sarebbe il ragazzo in canotta nera (evidenziato dal cerchio rosso).

Poco prima di essere fermato, Angel, 26 anni ad agosto, madre italiana e padre venezuelano, è riuscito a postare su Facebook il codice QR della chat Whatsapp dove parla con i suoi vecchi amici pugliesi. Angel ha frequentato il Galileo Ferraris di Molfetta, ma - secondo quello che racconta la sua pagina Facebook - ha lavorato presso Banco de Venezuela e ha frequentato la Cisco Networking Academy. Un amico venezuelano, attraverso il codice, è entrato in contatto con loro e li ha avvertiti del fermo.

Angel poco più di dieci anni fa si è trasferito dal Venezuela a Molfetta con la madre e i suoi fratelli per vivere con i nonni: aveva appena 15 anni. Il ragazzo ha frequentato l'Istituto Tecnico Tecnologico "Galileo Ferraris", nella cittadina del nord barese ha stretto amicizie poi ha deciso di tornare a Caracas, poco più di tre anni fa, dove ha fatto l'insegnante di italiano, il cantante e altri lavori portando anche opera di volontariato come paramedico.

In Venezuela, purtroppo, c'è una situazione drammatica e il governo sta soffocando le rivolte della gente (disperata perché mancano i beni essenziali per vivere) facendo ricorso alla violenza. Non c’è latte per i bambini né medicine per gli anziani, mancano carta igienica, pannolini, bare, preservativi, telefonini, pezzi di ricambio per auto, farina, caffè, riso pollo e persino la benzina, nel paese con più riserve petrolifere dell’Arabia Saudita. Le vittime delle proteste contro l’autocrate Nicolás Maduro (è salito al potere nel 2013 dopo la morte di Chavez) sono tante ma le manifestazioni non si fermano. C'è chi accusa l'attuale leader (ha convocato una assemblea costituente) di voler trascinare il Venezuela verso la dittatura: Maduro, che governa per decreto, controlla l’esercito e la Corte suprema, quest'ultima assalita e incendiata alcuni giorni fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione