Cerca

Martedì 12 Dicembre 2017 | 09:36

Scoperto nel Brindisino

«Sono principe del Montenegro»
E faceva vacanze di lusso a sbafo

Falso principe per soggiorni lussoscoperto dai carabinieri a Brindisi

BRINDISI - Si spacciava per un principe del Montenegro per poter usufruire gratuitamente di soggiorni in resort di lusso: l’uomo è stato scoperto e denunciato dai carabinieri di Brindisi. Triestino di nascita, torinese d’adozione, l’uomo pare si spacciasse per personalità di spicco della nobiltà brindisina tanto da farsi ospitare in resort di lusso e incontrare imprenditori e autorità religiose.

Stephan Cernetic il nome utilizzato, nome su cui i militari del reparto operativo di Brindisi hanno eseguito accertamenti per poi procedere con la denuncia per falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità personale o su qualità personali proprie o di altri; possesso e fabbricazione di documenti di identità falsi. Indagini - a quanto si è appreso - sono in corso anche su un’altra persona, di Quindici (Avellino).

L’attività di indagine è partita nell’agosto 2016, quando il ministero degli Affari Esteri ha segnalato che Cernetic, durante la sua visita in Puglia, ospite di un imprenditore del Barese, aveva utilizzato una autovettura Mercedes con insegne della Repubblica del Montenegro e adesivi del Corpo Diplomatico, precisando che lo stesso non era in realtà un funzionario diplomatico dell’ambasciata del Montenegro in Italia e quindi non godeva di alcuna immunità o privilegio sul territorio italiano.

Il «principe» nel frattempo nel periodo dal 5 al 31 luglio 2016 aveva trascorso presso un resort di Fasano (Brindisi), un periodo di vacanza, nel corso del quale ha avuto incontri con rappresentanti del clero, della politica e dell’imprenditoria del nord della provincia di Brindisi e del sud di quella di Bari. (di seguito un video del falso principe durante una intervista a cura di Eustacchio Cazzorla)

Secondo gli investigatori, coordinati dal pm Antonio Costantini, si trattava in realtà di una «pantomima» per soggiornare senza pagare in località di prestigio italiane e europee. Una presunta messa in scena realizzata attraverso l'accreditamento ottenuto in istituzioni di tutta Italia con la falsa autorità nobiliare e con la concessione di cavalierati, passaporti diplomatici, e simili.

L’esito delle attività investigative ha portato all’emissione di un decreto di perquisizione eseguito dai carabinieri di Brindisi con il supporto dei colleghi dei Comandi Provinciali di Torino, Bergamo e Avellino. Nel corso delle attività di ricerca sono stati sequestrati timbri, falsi lascia passare diplomatici, adesivi del corpo diplomatico attestati di premi internazionali della casa reale del Montenegro, diplomi di varia natura.

IL SINDACO DI MONOPOLI: MONOPOLI - «Ho appreso dalla stampa che l’uomo che lo scorso 27 luglio ho ricevuto presso il Comune di Monopoli non era il principe Stefan Cernetic, reale di Montenegro e Macedonia, ma un semplice cittadino che è riuscito a ingannare il sottoscritto ma anche tante autorevoli personalità». Lo afferma in una nota il sindaco di Monopoli, Emilio Romani, riferendosi all’uomo, denunciato ieri dai carabinieri di Brindisi, che per anni si è spacciato falsamente per principe del Montenegro.
«Purtroppo ci siamo cascati anche noi - spiega il sindaco - ma la richiesta di incontro era giunta attraverso i canali ufficiali e la visita era stata concordata nell’ambito di una serie di incontri alla diocesi di Monopoli, alla presenza di Sua Eccellenza il vescovo e di alcuni imprenditori. Inoltre, la persona in questione era stata scortata dagli agenti del commissariato della Polizia di Stato e nulla faceva sospettare, almeno all’apparenza, che si trattasse di un impostore».
«Mi consola solo il fatto - conclude Romani - di non essere stato il solo, visto che nel curriculum da farlocco di questo personaggio ci sarebbero sindaci di tutta Europa ma anche personaggi del mondo dello spettacolo. Ringrazio l’Arma dei Carabinieri che, indagando su questi viaggi, è riuscito a smascherarlo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione