Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 18:29

manduria

«Il cantiere del depuratore
riapre oggi? Decide il prefetto»

MANDURIA - «Premettendo che l’ordine del giorno approvato dal Consiglio comunale di Manduria, in quanto tale, non serve a nulla, il progetto non può essere stravolto: c’è stata una gara d’appalto già aggiudicata. E’ come se la Juventus volesse rigiocare la finale di Champions».

Il governatore pugliese Michele Emiliano ribadisce un concetto più volte rimarcato: il nuovo depuratore non può essere ubicato nell’area del vecchio impianto di Manduria. «Quella possibilità poteva essere presa in considerazione dieci anni fa - chiarisce -. Ora è troppo tardi». E proprio oggi si dovrebbe riaprire il cantiere nell’area lungo la “Tarantina”, all’altezza del bivio per il Chidro. Gli avetranesi sono preoccupati: temono che, una volta aperto il cantiere, il sito non sarà più spostato.

«Io e Aqp abbiamo ricevuto una formale diffida dal sindaco di Manduria, contenente toni che non abbiamo condiviso e che ci hanno amareggiato, affinchè i lavori possano iniziare al più presto - ricorda Emiliano -. Capite che, in questa situazione, io non sono più autorizzato ad alzare il telefono per chiedere di tergiversare. Un giorno potrei risponderne in prima persona sia a livello penale, che a livello civile per eventuali richieste di risarcimento dei danni. Il cantiere si apre oggi? Sta al prefetto decidere. Tenendo conto dei problemi di ordine pubblico e del fatto che, ormai, siamo in piena stagione estiva, potrebbe anche sospenderli sino a settembre. Ma questa sarà una sua valutazione, per la quale nessuno può interferire».[nando perrone]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione