Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 07:03

IL processo a 8 imputati

Droga dall'Olanda, condanne
fino a 22 anni per clan Parisi

La condanna più alta è stata inflitta al pregiudicato Damiano Ferrante, ritenuto il braccio destro del defunto boss Vito Parisi

droga sequestrata

La droga sequestrata

Importavano droga dall’Olanda distribuendola poi alle organizzazioni criminali baresi dopo veri e propri summit in casa del boss dove si stabilivano, di volta in volta, i prezzi della sostanza stupefacente. Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 e i 22 anni e 6 mesi di reclusione otto presunti affiliati al clan Parisi di Bari.

La condanna più alta è stata inflitta al pregiudicato Damiano Ferrante, ritenuto il braccio destro del defunto boss Vito Parisi, cugino del capo clan Savinuccio. A gestire il traffico di droga per conto dell’organizzazione mafiosa sarebbero stati i pregiudicati Rocco Cucumazzo (condannato a 11 anni e 3 mesi di reclusione), Giuseppe Del Vecchio, Pietro Raimondi e Vito Sebastiano (condannati a 10 anni e 6 mesi di carcere).

Condanna a 4 anni di reclusione e 18mila euro di multa per gli autotrasportatori che, stando alle indagini coordinate dalla Dda di Bari, erano incaricati dal clan di portare la droga dall’Olanda a Bari. I fatti contestati dalla magistratura barese risalgono ad oltre un decennio fa. Nell’ambito di questo procedimento altri sei imputati, fra i quali i nipoti del boss, Vito e Radames Parisi, sono già stati condannati con il rito abbreviato a pene fino ai 16 anni di carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione