Domenica 22 Luglio 2018 | 09:10

polemiche a Tito

Niente comunione
per la mamma separata

E durante la celebrazione altri genitori separati non si avvicinano all'eucaristia

comunione

TITO - Il parroco non impartisce il sacramento dell’eucarestia alla sua compagna, separata e scoppia la polemica prima in chiesa (Convento di S. Antonio di Padova) e poi in paese. A lanciare le accuse contro il sacerdote è il compagno anche lui separato della signora a cui è stata negata la comunione.

Ecco come racconta la storia alla «Gazzetta». «Siamo una coppia di persone separate e dal 2010 - dice Gaetano Ferrara - abbiamo messo su una nuova famiglia e nel contempo una nuova casa e la nascita di un bambino ha completato il quadro familiare. La mia compagna aveva già dei figli così come anche io. Ma ecco i fatti. Domenica 28 maggio, la bambina della mia compagna, insieme ad altre 23 coetanee, ha ricevuto la sua prima comunione dopo cinque anni di regolare frequenza al catechismo parrocchiale».

«La mattina del giorno precedente - prosegue Ferrara - il parroco di Tito, Don Giovanni Di Carlo ha mandato a chiamare solo le mamme separate che erano tre (i papà separati invece no). Alla mia compagna ha comunicato che in occasione della prima comunione non poteva prendere l’eucarestia perché separata e convivente con me. Mentre le altre due mamme l’eucarestia la potevano prendere perché, anche se separate, non convivevano con nessuno. La mia compagna. ne è uscita mortificata ed umiliata perché sarebbe stata l’unica mamma a non ricevere l’eucarestia. La sera dello stesso giorno con tutte le 24 bambine e con i rispettivi genitori ci siamo recati in chiesa per fare le prove della comunione».

«Durante le stesse - prosegue il nostro lettore - tutte le mamme ed i papà hanno ricevuto l’eucarestia. tranne la mia compagna. A quel punto vedendola in lacrime sono salito sull’altare e alla presenza di tutti ho affrontato Don Giovanni dicendogli che non era giusto trattare in questo modo una mamma lasciandola in disparte e umiliandola alla presenza di tutti. Ho continuato dicendo chi sei tu per giudicare una persona? Altri sacerdoti sicuramente non avrebbero avuto un comportamento simile nei confronti di una mamma». Nel racconto Ferrara sostiene che don Giovanni «non dava la comunione alla mia compagna era perché doveva rispettare le disposizioni impartite dal vescovo di Potenza. A questo punto risposto don Giovanni anche il Papa ha aperto le porte della Chiesa ai separati dicendo che potevano prendere l’eucarestia. Ha anche detto di aprire tutte le strutture di proprietà della Chiesa ai profughi ed agli ultimi, ma purtroppo sono parole andate al vento».

Siamo ora a quella famosa domenica. Nel corso della funzione religiosa, nel momento in cui veniva data l’eucarestia alle mamme - aggiunge Ferrara « le altre due mamme e un papà separati che avevano ricevuto il benestare di Don Giovanni per ricevere l’eucarestia, non lo hanno fatto per solidarietà nei riguardi della mia compagna esclusa. Un gesto bellissimo di solidarietà che secondo un mio punto di vista è stato proprio questa azione la vera eucarestia ricevuta. Il sacramento dell’Eucarestia ancora oggi viene dato agli assassini, ai mafiosi ed agli stupratori, ma non alle mamme vittime, oltretutto, di femminicidio e stalking. Ed è anche per questo motivo che difficilmente metterò più piede in chiesa quando vi è la presenza di Don Giovanni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Gianvito Giannelli e Marcello Danisi

Calcio, ecco i 20 imprenditori baresi
pronti a rifondare il Bari: valgono 500 min Foto: tutti tifosi da una vita

 

Bari calcio, Decaro alla festa dei tifosi a Pane e Pomodoro: 7 giorni per fare tutto Il video

 
Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

 
Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

 
Ristorazione, l'azienda Ladisaconferma trend crescita: +24%

Ristorazione, l'azienda Ladisa conferma trend crescita: +24%

 
Andria, mutilato il CrocifissoL'ira del vescovo: fatto grave

Andria, mutilato il Crocifisso
L'ira del vescovo: fatto grave

 
Gara Ilva, bufera su Di Maio«Annullamento è una follia»Cantone (Anac) frena sul parere

Gara Ilva, bufera su Di Maio. Cantone (Anac) frena. Ministro: «Verifichiamo»

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS