Cerca

Lunedì 21 Agosto 2017 | 21:40

sicurezza stradale

Autovelox più frequenti
nelle strade di Trani

Contro gli amanti della velocità. L'assessore De Michele: «In corso un test sul funzionamento»

autovelox

di NICO AURORA

TRANI - L’autovelox in dotazione alla Polizia locale sta per tornare pienamente operativo. In questi giorni è in atto il collaudo del dispositivo ma, a breve, lo stesso tornerà ad essere impiegato e potrà determinare sanzioni a carico di coloro che superassero i limiti di velocità consentiti. Lo fa sapere l’assessore alla polizia locale, Giuseppe De Michele chiarendo il recente utilizzo dello strumento soprattutto lungo via Falcone, sulla quale sono già presenti quattro velobox per dissuadere gli automobilisti dallo spingere sull’acceleratore.

La presenza dell’autovelox su quella strada, l’altro pomeriggio, aveva determinato non poco stupore tra i cittadini, che avevano ritenuto che quell’attività confermasse i dubbi di molti sull’effettivo funzionamento delle scatole arancioni.

Queste, anche a detta di alcuni pubblici amministratori della città (ne ha parlato recentemente anche il consigliere di maggioranza, Anna Barresi) non solo non avrebbero mai rilevato sanzioni ma, addirittura, sarebbero vuote.

De Michele, invece, conferma invece che «i velobox funzionano, mentre quello che è stato fatto è semplicemente un test di funzionamento dell’autovelox di proprietà del Comune di Trani, e segnatamente della Polizia locale, recentemente tornato nella disponibilità del Corpo dopo le procedure di verifica annuale».

verifiche in corso «Pertanto - chiarisce - in via Falcone non si sono elevate sanzioni ma, semplicemente, verificato il buon funzionamento del dispositivo su una strada ad alta percorrenza. I cartelli di preavviso su ambedue i lati della carreggiata sono stati posizionati per evitare che gli automobilisti inchiodassero improvvisamente, a prescindere della presenza dei velobox, allo scorgere la pattuglia. Di certo, una volta accertato il corretto funzionamento del sistema, potremo prevedere servizi di controllo della velocità sulle principali strade ad alto scorrimento del territorio comunale».

Dunque, nei prossimi giorni gli operatori, che utilizzano il pickup come mezzo operativo a sostegno del presidio mobile, saranno presenti anche in altri luoghi della città.

L’imminente utilizzo dell’autovelox dovrebbe riguardare strade ad altrettanta grande percorrenza come, per esempio, via Superga, via Malcangi e le vecchie statali per Barletta e Bisceglie.

Non sarebbero da escludere anche tratti di strada statale «16», secondo intese da stabilirsi con la Prefettura ed i comuni limitrofi, poiché la normativa dispone che due comandi di Polizie locali contigui non possano effettuare contemporaneamente lo stesso servizio nel raggio di 20 chilometri.

Secondo quanto riferisce ancora l’assessore, «è un momento in cui abbiamo a disposizione più agenti, dobbiamo utilizzarli sul territorio e questo è un ulteriore sistema per fare prevenzione, non cassa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione