Cerca

Venerdì 20 Aprile 2018 | 07:03

Consiglio di Stato

Uomo di Altamura, la «lite»
sul premio si chiude dopo 20 anni?

I 450mila euro saranno divisi tra i due gruppi speleologici del Cars di Altamura e del Cai di Bari

lo scheletro dell'uomo di Altamura

Il Consiglio di Stato ha riconosciuto che il ritrovamento dell’Uomo di Altamura, lo scheletro fossile ominide vissuto circa 150.000 anni fa, è avvenuto grazie al lavoro congiunto dei due gruppi speleologici del CARS (Centro Altamurano Ricerche Speleologiche) e del GSV (Gruppo Speleologico Vespertilio) del Club Alpino Italiano di Bari. È ai due gruppi, quindi, che spetta il premio di rinvenimento del valore di 450mila euro. I giudici amministrativi d’appello hanno così accolto il ricorso del CAI riformando la sentenza del Tar Puglia che un anno fa aveva dato ragione ai singoli soci, i quali dichiaravano di aver partecipato a quella esplorazione a titolo personale e non per conto del gruppo al quale appartenevano e di avere, per questo, diritto personalmente al premio in denaro.

La vicenda inizia nel settembre 1993, quando il CARS di Altamura invita il Gruppo Speleologico CAI-Vespertilio a partecipare alle esplorazioni di Lamalunga, una grotta scoperta dallo stesso gruppo altamurano già 3 anni prima. L’invito viene accettato da alcuni membri del GSV il 3 ottobre 1993, che insieme ai soci del CARS scendono nella cavità. I due gruppi si dividono e imboccano due cunicoli differenti, e in quello esplorato dai membri del CAI Bari vengono rinvenuti i resti dell’Uomo di Altamura. Dal momento della scoperta il premio per il ritrovamento che il Ministero per i Beni Culturali doveva corrispondere agli scopritori della grotta è stato al centro di un lungo contenzioso.

Il Consiglio di Stato ha ora messo un punto alla vicenda, stabilendo che l’appello proposto dal CAI, assistito dagli avvocati Valentina Vasta e Nino Matassa, «è fondato e va accolto», poiché le persone che hanno materialmente rinvenuto i resti lo avrebbero fatto «non a titolo personale ma quali componenti del CAI di Bari invitati dal CARS alle esplorazioni, con la conseguente 'co-ascrivibilità' del ritrovamento al CAI di Bari».

"Siamo molto soddisfatti di questa sentenza che mette il punto a una vicenda dolorosa che è andata avanti troppo a lungo» ha commentato Maurizio Armenise, presidente del CAI sezione di Bari, riconoscendo «che la speleologia è un’attività che si svolge in gruppo, e che all’interno del gruppo vengono condivisi attrezzature e materiali, così come obiettivi, successi e sconfitte. E’ stato anche per proteggere i valori di questo sodalizio, per noi scontati, che abbiamo deciso di combattere».

Di diverso avviso è l'avv. Fabrizio Lofoco, difensore di controparte secondo cui «La vicenda non è affatto chiusa: la questione sarà oggetto di ulteriori azioni, a tutti i livelli, per contrastare una sentenza ingiusta ed in contrasto con altre sentenze, rese nel corso degli anni, e passate in giudicato in favore di Milillo e Di Liso, e nella totale inerzia del CAI. I sigg. Milillo e Di Liso continueranno a lottare per ottenere innanzitutto il riconoscimento del titolo della loro scoperta, che andrà attribuita a loro, e non al CAI, come pure il relativo premio, condiviso con il CARS».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Call center, azienda avvisa con Sms: «non sarete pagati»

Call center, azienda avvisa
con Sms: «non sarete pagati»

 
Tempa rossa Taranto

Tempa rossa, firmato accordo
tra Comune di Taranto e imprese

 
Brindisi, un morto in scontro tra auto: conducente arrestato

Brindisi, un morto in scontro
tra auto: conducente arrestato

 
Venduta la Sangalli vetroacquistata da multinazionale turca

Venduta la Sangalli vetro
acquistata da società turca

 
Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Marozzi, dopo l'accordoprimi licenziamenti via sms

Marozzi, dopo l'accordo
primi licenziamenti via sms

 
«Ilva, i contratti con Mittalsono coperti dal segreto»

«Ilva, i contratti con Mittal
sono coperti dal segreto»

 

MEDIAGALLERY

Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 
Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Due italiani tra i magnifici 100 di Time

Due italiani tra i magnifici 100 di Time

 
Economia TV
Cassa previdenza commercialisti: 1 mld a economia reale

Cassa previdenza commercialisti: 1 mld a economia reale

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Macron-Merkel: presto visione comune per l'Ue

Macron-Merkel: presto visione comune per l'Ue

 
Spettacolo TV
Richard Gere si e' risposato

Richard Gere si e' risposato

 
Sport TV
Yoga via Skype,"un successo inaspettato"

Yoga via Skype,"un successo inaspettato"

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018