Sabato 21 Luglio 2018 | 08:09

Dalla Favera all'Università di Foggia

«Passi da gigante
contro i tumori»

Riccardo dalla Favera

Riccardo dalla Favera (foto Panico)

FOGGIA, - «La prima cosa da dire è che ci sono più di 400 tipi diversi di cancro. Ci sono tipi di cancro che sono ancora inaffrontabili, letali come il cancro al cervello, al pancreas e al polmone, ed altri più abbordabili come linfomi e leucemie, cancro alla mammella e al colon che sono curabili». Lo scienziato italiano Riccardo Dalla Favera, docente e director dell’Institute for Cancer Genetics Columbia University, è ospite d’onore della II edizione del Festival della ricerca e dell’innovazione organizzato dall’Università di Foggia e coordinato dal professor Cristoforo Pomara. Dalla Favera, nato a Legnano 66 anni fa ed espatriato a New York nel 1989, è ritenuto un’eminenza nello studio dei linfomi. 

Dalla Favera ha fatto il punto sulla situazione attuale nella lotta al cancro. «Molto dipende dal tipo di cancro. Nella ricerca, negli ultimi 30/40 anni - ha detto - si sono fatti passi da gigante nel capire come il cancro si sviluppa. Ora sono gli anni d’oro di sviluppo di nuovi farmaci, più mirati su ciascun tipo di cancro, al meccanismo che lo ha generato». «Credo - ha concluso Dalla Favera - che ci troviamo di fronte agli anni d’oro della terapia, anche se c'è ancora molto da lavorare e non abbiamo idea di quanto tempo ci vorrà prima che si possa dire di aver sconfitto il cancro».

«La fuga dei cervelli viene vista soprattutto in senso negativo. Invece direi che nel mondo moderno bisogna aspettarsi che i giovani, specialmente nella ricerca, cerchino all’estero un’esperienza completa di esposizione a vari sistemi», ha poi spiegato il ricercatore. «Detto questo, è vero che in Italia è preoccupante non tanto il numero dei giovani che vanno all’estero, quanto i pochissimi che sono disposti a ritornare, specialmente quelli più bravi. Negli Stati Uniti e in altri Paesi europei, coloro che si affermano rimangono lì. In termini di competenza e di talento, l'Italia non è seconda a tante nazioni. Da noi è più un problema organizzativo, perché l’Università non è ancora basata sulla meritocrazia. Le infrastrutture sono un po' carenti e il badget nazionale di supporto alla ricerca non è a livello di altri paesi. Di motivi, come si può vedere, ce ne sono parecchi».
«Dovendo dare dei consigli ai giovani, direi che per la ricerca si deve avere tanta passione, lo stimolo deve essere continuo e, soprattutto all’inizio, pensare poco alla carriera ma molto alla educazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

I giallo-verdi in Puglia

Puglia, i gialloverdi si dividono sul ddl anti-omofobia

 
Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

 
Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

 
Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

 
Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

 
Spaccio di droga19 arresti a Taranto

Spaccio di droga
19 arresti a Taranto

 
Università: ministra Lezzi relatrice con figlio in braccio

Ministra Lezzi contestata:
non hai bloccato gasdotto

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS