Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 06:44

Iniziativa di Giuseppe Carrieri

Troppi piccioni in piazza a Bari
consigliere dà mangime inibitore

Troppi piccioni in piazza a Bari consigliere dà mangime inibitore

BARI - La piazza è invasa e sporcata dai piccioni e un consigliere comunale decide di acquistare a proprie spese e somministrare un mangime particolare che inibisce la capacità riproduttiva di questi volatili. E' l'iniziativa adottata da questa mattina a Bari in piazza Garibaldi dal consigliere comunale di opposizione Giuseppe Carrieri (lista civica di centro destra 'Impegno civile per Barì), di professione avvocato.

Insieme ai tecnici della società specializzata Acme di Reggio Emilia, spiega in una nota lo stesso consigliere, è iniziata la somministrazione dello speciale mangime, da tempo in commercio. Somministrazione che continuerà ogni giorno sino ad ottobre, perché proprio nel periodo maggio-ottobre avviene la riproduzione di questi volatili. «Contemporaneamente - è scritto nella nota - sono stati distribuiti ai cittadini che abitano intorno alla piazza volantini per spiegare la sperimentazione che si sta portando avanti e per chiedere la collaborazione al progetto. E’ stato illustrato che la proliferazione dei colombi urbani è un grave problema igienico-sanitario spesso sottovalutato, giacché - al di là dei crescenti danni o imbrattamento di statue, fontane, strade, balconi, panchine - i colombi urbani rappresentano una fonte di infezioni specifiche per l’uomo e per tanti animali domestici, in quanto trasmettono salmonellosi, tubercolosi aviarie, stafilococcosi, micosi nonché zecche e pidocchi.

«In assenza di interventi da parte dell’amministrazione comunale - sostiene Carrieri nella nota - ho deciso di farmi carico io di provare a risolvere un problema che molti cittadini avvertono. Ho solo copiato quello che hanno fatto altri Comuni». Precisando che si tratta di un mangime innocuo per persone e animali, Carrieri spiega che l’obiettivo è di "ridurre del 25/30% il numero dei colombi urbani della zona, per diminuire sensibilmente le problematiche connesse alla proliferazione degli stessi. Spero che - conclude il consigliere - l’ennesimo concreto esempio che viene dato per risolvere i grandi e piccoli problemi della città possa essere seguito dal sindaco, che in sede di sessione di bilancio si è formalmente impegnato a sperimentare con l’Amiu analoghi trattamenti. Vedremo a ottobre se il nostro intervento ha funzionato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione