Cerca

Lunedì 23 Aprile 2018 | 23:23

Giustizia a potenza

Sentenza in un anno
4 e mezzo per la notifica

Quando la «macchina» non funziona. Un processo per violenza sessuale sul filo della prescrizione per quell'atto in ritardo

giustizia a Potenza

di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Meno di un anno per presentazione del ricorso, celebrazione del processo di appello e emissione della sentenza, quattro anni e mezzo per la notifica del provvedimento. È il paradosso di una Giustizia lumaca e inefficiente quello che investe un brutto caso di violenza sessuale su una ragazza minorenne che si sarebbe verificato nel Materano a inizio del 2005 e che, nonostante indagini e processo in tempi accettabili, rischia ora di finire in prescrizione.

È una storia molto brutta quella che secondo i giudici dei due primi gradi di giudizio si sarebbe verificata oramai 12 anni e mezzo fa: una ragazza chiusa in una macchina, minacciata, portata in una zona isolata, spogliata con al forza e costretta a subire ripetuti rapporti sessuali da un ragazzo otto anni più grande di lei. Fatti che, a fine 2011, sono stati sanzionati dal collegio penale di Matera con una condanna a cinque anni e mezzo di reclusione. Una pena che porterebbe l’imputato in carcere, non essendo applicabile la sospensione condizionale della pena, e contro cui lo stesso ha ricorso in Appello. E qui la Giustizia ha mostrato il suo volto efficiente. Perché tra deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado (nel termine di 45 giorni), termine di proposizione del ricorso, (altri 45) fissazione dell’udienza di Appello, svolgimento del processo e lettura del dispositivo di sentenza tutto si è compiuto in 357 giorni. Siamo a meno di sette anni dai fatti oggetto del processo che, in base alla norma in vigore in quel momento, si prescrivevano dopo 12 anni e mezzo (termine aumentato solo a fine 2005). Anche la (probabile in questi casi) eventualità di un ricorso in Cassazione sembrava non lasciare aperta la possibilità che il processo potesse cadere in prescrizione. Ma per il ricorso in Cassazione (anche qui un diritto dell’imputato) ci sono i soliti passaggi, vale a dire i termini di deposito e notifica della sentenza integrale, quindi con le motivazioni incluse (in udienza è letto il solo dispositivo) e quelli di proposizione del ricorso. Ma qui tutta l’efficienza mostrata nel procedimento di infrange sulla notifica.

Il provvedimento datato fine 2012 risulta depositato in cancelleria il 13 marzo scorso e notificato appena qualche giorno fa, quando (ulteriore paradosso) il presidente della corte che lo ha pronunciato e redatto è oramai in pensione. Da questa ultima data decorrono i termini (45 giorni) per il difensore per proporre l’eventuale ricorso in Cassazione dove dovrà essere fissata la relativa udienza. Non considerando eventuali termini di sospensione, per il deposito del ricorso siamo a pochi giorni dai 12 anni e mezzo, per la celebrazione dell’udienza oltre, con ogni probabilità anche considerando eventuali termini di sospensione. Se il ricorso non dovesse essere rigettato come inammissibile (sia pure per aspetti marginali), quindi, potrebbe esserci la prescrizione. La prescrizione incombe. La macchina della Giustizia ha un altro caso su cui interrogarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ilva, si tratta sul contrattoEd Emiliano «punta» Calenda

Ilva, si tratta sul contratto
Ed Emiliano «punge» Calenda

 
Bari, bimbo sequestrato: i due arrestati fanno scena muta

Bari, bimbo sequestrato: i due arrestati fanno scena muta

 
Circolo tennis, la prima voltadi una donna alla presidenza

Circolo tennis Bari, la prima
volta di una donna in 82 anni:
Virgintino verso la presidenza

 
Il capo della Polizia inaugura impianto  delle Fiamme Oro

Capo della Polizia inaugura
impianto delle Fiamme Oro

 
Bif&st, a Bari masterclass  di Antonio Albanese

Bif&st, a Bari masterclass
di Antonio Albanese

 
Supermercati, Megamark rilevacon Apuzzo 21 punti in Campania

Supermercati, Megamark rileva con Apuzzo 21 punti in Campania

 
Droga dall'Albania al Gargano otto condanne a Bari

Droga dall'Albania al Gargano
otto condanne a Bari

 
Terrorismo, condanna di 5 anni a combattente ceceno dell'Isis

Terrorismo, condannato a 5 anni
combattente ceceno dell'Isis

 

MEDIAGALLERY

Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

 
Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Furgone su folla a Toronto, ci sarebbero morti

Furgone su folla a Toronto, ci sarebbero morti

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Economia TV
Dazi: accordo Ue-Messico per rimuovere 99% barriere

Dazi: accordo Ue-Messico per rimuovere 99% barriere

 
Italia TV
Quirinale, a Fico il mandato per verifica maggioranza M5s-Pd

Quirinale, a Fico il mandato per verifica maggioranza M5s-Pd

 
Spettacolo TV
Teatro: Cirilli in scena a Roma con #TaleEQualeAMe Again

Teatro: Cirilli in scena a Roma con #TaleEQualeAMe Again

 
Meteo TV
Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

 
Calcio TV
Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin