Domenica 22 Luglio 2018 | 18:43

Due secoli per smaltire la lista

Una casa popolare a Potenza?
«Servono almeno 59 anni»

Una casa popolare a Potenza?«Servono almeno 59 anni»

ALESSANDRO BOCCIA

Serviranno 59 anni per assorbire le graduatorie delle famiglie, in totale 1.265, che, in provincia di Potenza, sono in attesa di un alloggio di edilizia residenziale pubblica. È quanto emerge dal report realizzato dall’Osservatorio sul Mercato Immobiliare (Nomisma) per conto delle Aziende territoriali per l’edilizia residenziale di Potenza e di Matera.
Il dato più allarmante riguarda però la città capoluogo. «A Potenza si contano 609 domande valide – fa sapere l’amministratore unico dell’Ater di Potenza, Domenico Esposito – e si stima che saranno necessari ben 204 anni per assegnare un alloggio a tutti gli aventi diritto presenti nella graduatoria valida al 2016. Per questa ragione siamo impegnati a definire possibili strategie di intervento a breve e medio termine in attesa che l’impegno del Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, di concentrare nelle annualità 2016-2017 gran parte dei 478 milioni stanziati complessivamente per il programma partito mesi fa, proceda più speditamente nella fase di attuazione.
Con il programma triennale 2017-2019 (circa 12 milioni di euro per il 2017, 5 milioni di euro per il 2018 e 1,5 milioni di euro per il 2019) in buona parte alimentato dal reinvestimento dei fondi derivanti dal piano di vendita alloggi predisposto dalla nostra azienda – aggiunge – possiamo fare ben poco, tenuto conto che la parte più consistente di spesa riguarda il piano di interventi manutentivi da eseguire nel corso di quest’anno in vari comuni per 5,398 milioni di euro; 2,990 milioni di euro sono riservati alla costruzione di 36 alloggi a Potenza Malvaccaro-Macchia Giocoli (per 16 alloggi si tratta di un’integrazione di finanziamento); 1,612 milioni di euro per l’acquisizione e il recupero di 12 alloggi a Melfi e 9 a Maratea (in entrambi i casi si tratta di integrazione di finanziamento precedente)».
Secondo l’amministratore dell’Ater Potenza esistono altre misure possibili per dare risposta al disagio abitativo dei lucani.
«Occorre considerare l’edilizia residenziale pubblica sovvenzionata un servizio di interesse generale, aumentare in maniera significativa gli sgravi fiscali, a partire dall’imposta sul reddito delle società, portare le nostre aziende a sviluppare un housing sociale complementare all’erp insieme alla Cassa depositi e prestiti - spiega Esposito - anche se ci preoccupa fortemente un fattore segnalato dal report Nomisma, e cioè il totale delle famiglie “in disagio abitativo economico” in provincia di Potenza pari a 8.896, di cui il 40,7% in affitto e con il 34,6% con fitto o mutuo al di sopra del 30% del reddito familiare. Tutto ciò mentre l’attuale patrimonio di edilizia residenziale pubblica non basta a dare risposte a chi vive situazioni di disagio tenendo conto che le famiglie che occupano i nostri alloggi sono appena un quarto di chi ne ha veramente bisogno. Se l’Ater venisse esentata dal pagamento delle imposte potrebbe essere in grado di sostenere la manutenzione di cui c’è grande necessità perseguendo, con le sue forze, più soddisfacenti livelli erogativi dei propri servizi a favore della collettività».
«È auspicabile – è la conclusione di Esposito - che, sinergicamente con la Regione possano essere individuate strade alternative per il conseguimento di finanziamenti ricorrendo alle procedure europee».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS