Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 11:14

IL processo

Ilva, parlano gli allevatori
«Capi abbattuti per la diossina»

Ilva, parlano gli allevatori«Capi abbattuti per la diossina»

Udienza fiume del processo chiamato «Ambiente svenduto» per il presunto disastro ambientale provocato dall’Ilva. Metà giornata è stata dedicata alle eccezioni, quasi tutte rigettate, presentate dai legali degli imputati (44 persone fisiche e la società Partecipazioni industriali, ex Riva Fire).
La Corte d’Assise di Taranto, presieduta da Michele Petrangelo, ha solo concesso qualche teste in più da inserire nella lista della difesa. Poi è iniziato l’ascolto dei testimoni, direttamente o tramite l’acquisizione di verbali, a cominciare dagli allevatori - sette in tutto - che subirono l'abbattimento delle greggi contaminate dalla diossina. Tra questi, Vincenzo Fornaro, che ha poi riconvertito la sua azienda con la produzione di canapa ed è candidato sindaco alle elezioni comunali dell’11 giugno a Taranto. Domani dovrebbero testimoniare altri tre allevatori e il presidente di Peacelink Taranto Alessandro Marescotti, che presentò diversi esposti contro l’Ilva ed è parte civile nel processo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione