Domenica 22 Luglio 2018 | 13:05

Disavventura di due fidanziatini

Potenza, si addormentano
sul bus: li «sveglia» la Polizia

Potenza, si addormentanosul bus: li «sveglia» la Polizia

ANTONIO MASSARO

Disavventura per una coppia di fidanzatini di Potenza, 17 anni lei, 20 lui, al rientro nel capoluogo lucano con un bus della Liscio da Roma. Si addormentano con un sonno così profondo da non accorgersi di essere arrivati a destinazione. Il brusco risveglio nel deposito dei pullman a notte fonda con tanto di panico, fino all’arrivo quasi immediato della Polizia per liberarli.

Ecco la storia. Il fatto è accaduto domenica 30 aprile. I due ragazzi partono da Roma-Tiburtina alle ore 20. Nel bus non ci sono tanti viaggiatori: solo 16. Due dei quali devono scendere a Picerno i restanti nel capoluogo. Si tratta un pullman di quelli rialzati. La coppia di fidanzatini ha prenotato i posti in prima fila 1 e 2. Ma chissà vinti dal sonno e dalla stanchezza, vista l’ora, uno dei due pensa di occupare anche i posti 3 e 4 che risultano liberi. Si sdraiano completamente e «Morfeo» ha la meglio sulla coppia. Il bus nel frattempo prosegue la sua corsa. Arriva in Basilicata. Fermata di Picerno con tanto di annuncio - dicono dalla Liscio. Poi il capolinea a Potenza in contrada Rossellino. Tutti scendono tranne i ragazzi. I due operatori in servizio, convinti che a bordo non c’è più nessuno conducono il bus verso il deposito, non prima di aver fatto rifornimento. Lasciano il mezzo alle 00.38. E in questo momento avviene il risveglio dei due ragazzi. Sono soli, col bus nel deposito al buio. È facile immaginare la loro ansia. Si chiedono e ora che facciamo? Uno dei due chiama dal cellulare la madre. La signora, che non l’ha presa molto bene, si rivolge alla Polizia. Gli agenti sono sul posto in modo immediato. Dopo circa 6-7 minuti. Col pulsante dall’esterno aprono il pullman. Arriva anche la mamma di uno dei ragazzi molto infuriata per l’accaduto.

Ma com’è potuta accadere una cosa simile? Abbiamo chiesto spiegazioni all’ufficio relazioni con il pubblico dell’azienda di trasporti. «I primi ad essere stupiti - dicono dalla Liscio - siamo noi. Su quella linea in 35 anni non è mai successo nulla».
E allora?
«Sono stati almeno tre i motivi che hanno tratto in inganno gli operatori in servizio che pure ci hanno assicurato che a fine corsa hanno fatto tutti i controlli del caso. Primo: il bus è dotato di telecamere che non hanno potuto inquadrare i ragazzi perchè erano coricati. Secondo: la coppia non aveva bagagli e questo ha ulteriormente ingannato gli autisti. Terzo: alla fermata non c’erano parenti ad attendere i viaggiatori. E questo ha fatto pensare che tutti erano scesi». Sulla vicenda ora si attende il rapporto della Polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali
in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Ilva, Procura Taranto: rispettate40 prescrizione su 42: archiviareaccuse per commissari e tecnici

Ilva, Procura Taranto: rispettate
40 prescrizioni su 42: archiviare
accuse per commissari e tecnici

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS