Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 04:00

delibera del Consiglio comunale

Lino Banfi ora è cittadino
anche di Alberobello

Lino Banfi «premiato» dai trulli: ora è cittadino anche di Alberobello

Patrizio Pulvento

Lino Banfi cittadino onorario di Alberobello. La città dei trulli lo ha deliberato in un consiglio comunale tenuto nella mattinata di sabato scorso. Nella stessa occasione è stata tributata la cittadinanza benemerita all’artigiano Fiorbianco Liuzzi Simone, nato a Noci e dipendente del Comune di Alberobello

Il Consiglio Comunale ha approvato la delibera della cittadinanza a Banfi per acclamazione e la votazione è stata eseguita solo per formalità. Secondo il regolamento comunale di cui la locale amministrazione si era dotata nell’ottobre del 2015, la proposta motivata per il conferimento di tali onorificenze può essere avanzata dagli amministratori comunali, enti, associazioni e da chiunque presenti sul territorio comunale, anche il singolo cittadino che ne avverta l’esigenza sociale.

La proposta di cittadinanza onoraria per l’attore Lino Banfi era stata formulata nel giugno del 2013 a cura dell’Associazione Culturale «Trulli, Tutela, Turismo» per l’attore Lino Banfi per il suo profondo interesse e rispetto per il trullo e la civiltà contadina che esso rappresenta; le numerose occasioni televisive utilizzate spontaneamente per la diffusione di tale forma architettonica e per la civiltà ad essa connessa; il reiterato richiamo ad Alberobello come sede privilegiata e unica dei trulli divenuti agglomerato urbano; l’assoluta gratuità con cui ha reso finora al nostro paese un servizio di pubblicazione del territorio; l’umanità che lo ha sempre caratterizzato, ma che con maggior forza si va manifestando in quest’ultima parte della sua carriera artistica, si pensi, fra l’altro, al suo impegno con l’Unicef.

La Comunità di Alberobello è inoltre grata a Lino Banfi, come si legge in atti, per essere stato un precursore dei sentimenti di accoglienza e di amore assoluto per il nostro territorio e per la sua gente e, come recita la delibera consiliare: «Dimostrando qualità umane rare, e sempre propense alla vicinanza agli umili e gli indifesi, aprendo una stagione artistica della Puglia e di tutti gli Alberobellesi, facendone beneficiare da allora tutto il territorio e tutta le gente di Puglia e di Alberobello...».

Lo stesso Lino Banfi, già informato della prestigiosa investitura, è intervenuto in diretta telefonica durante il consiglio comunale alberobellese, dichiarandosi onorato e ringraziando il sindaco Michele Longo, il consiglio comunale e l’intera comunità. «Non appena possibile organizzeremo la cerimonia», dice il sindaco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione