Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 16:15

La rievocazione

Gp di Bari
parata di gioielli
tra sport e cultura

Gp di Bari parata di gioielli  tra sport e cultura

BARI - Inizia oggi l’intensa tre giorni di rievocazione del Gran Premio automobilistico internazionale di Bari organizzato per la prima volta il 13 luglio 1947, sulla scia delle più importanti competizioni automobilistiche dell’epoca.

Lo spazio in piazza della Libertà che ospiterà le auto provenienti da tutta Italia, e non solo, è stato allestito nella notte e pian piano nel corso dei prossimi due giorni si riempirà di passione, storia e design con le cinquantacinque automobili che parteciperanno a questa quinta rievocazione del Gran Premio di Bari organizzata dall’Old Cars Club.

La storia è quella che proprio questi gioiellini della meccanica hanno scritto, insieme ai loro piloti, nell’immediato dopoguerra quando a Bari un gruppo di amici, appassionati di automobilismo, facenti parte di quello che era l’allora consiglio di amministrazione dell’AC Bari, presieduto da Franco Chieco, decise di impegnare le risorse allora a disposizione per trasformare il capoluogo pugliese nel palcoscenico dell’automobilismo per il Sud Italia. Il design è quello delle auto disegnate e costruite dalle storiche case automobilistiche dell’epoca. Alfa Romeo, Maserati, Cisitalia erano alcuni dei modelli che si misero in corsa su un circuito di 5,5 km con 15 curve e quattro lunghi rettilinei che si snodava per le strade urbane, intorno ai padiglioni della Fiera del Levante e che in questi giorni rivivranno quei momenti su un percorso diverso, nel cuore del quartiere murattiano di Bari.

La passione è quella che non fanno mancare mai gli organizzatori che, con cadenza biennale, danno vita alla rievocazione che oggi, nella sua quinta edizione, sta assumendo sempre di più una dimensione nazionale e internazionale ed è attesa dal pubblico e dai partecipanti. Quella che inizia oggi è quindi una tre giorni ricca di appuntamenti che è stata anticipata ieri mattina da un convegno/tavola rotonda su Industria/Motori 4.0 che ha visto riuniti attorno allo stesso tavolo i principali portatori di interesse del settore auotomotive che, insieme ad alcuni studenti del Politecnico di Bari, si sono confrontati sui campi di ricerca e di azione di ciascuno e sulla necessità di creare sinergie anche con le realtà territoriali in cui si opera che sono da considerarsi un valore aggiunto al lavoro quotidiano. Senza tralasciare le questioni etiche e gli interrogativi che ci si deve porre e ci si pone davanti all’evoluzione del settore.

Si chiuderà, invece, il 2 maggio la mostra storica sul Gran Premio di Bari in corso al centro polifunzionale dell’Università di Bari, nel ex Palazzo delle Poste in Piazza Cesare Battisti. Qui i visitatori possono ammirare il materiale storico legato al Gran Premio con originali dei giornali e delle prime pagine dell’epoca, manifesti pubblicitari, annulli filatelici e ogni genere di materiale legato alla promozione e alla comunicazione dell’evento in una mostra rinnovata ed allargata rispetto alle edizioni precedenti (orari di visita - dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22; sabato dalle 10 alle 18.30; domenica dalle 10 alle 17).

Ma veniamo a quello che è il programma dettagliato di questi tre giorni.

Oggi venerdì 28 aprile Alle 9 in piazza delle Libertà inizia il posizionamento delle auto nel paddock e la loro esposizione al pubblico che potrà ammirare gli esemplari d’epoca che parteciperanno al GP di Bari immergendosi nell’atmosfera di preparazione ad uno degli eventi di sport che hanno fatto la storia dell’Italia negli anni della ricostruzione dopo la II Guerra Mondiale. In serata, alle 20.30 è in programma una serata di gala nel castello svevo con visita guidata al maniero e alle mostre sul musicista Tito Schipa e quella fotografica di Carlo Gavazzeni Ricordi, insieme alla proiezione di video storici del Gran Premio e all’esposizione di abiti d’epoca. La serata è riservata a sponsor, istituzioni e partecipanti al GP.

Sabato 29 aprile Le auto resteranno in esposizione in Piazza delle Libertà per tutto il giorno per gli ultimi ritocchi e qualche revisione prima della gara. Alle 19 ci sarà quindi il giro di ricognizione in notturna del percorso di gara da parte di tutti i partecipanti. I cinquanta iscritti al GP di Bari - 5ª rievocazione sfileranno sul tracciato che, partendo da corso Vittorio Emanuele, gira attorno al castello svevo, passa davanti al teatro Margherita e torna su corso Vittorio Emanuele dove si chiude.

Domenica 30 aprile Le attività iniziano alle 9 con il briefing dei piloti e il successivo trasferimento delle auto sul circuito di gara. Alle 10 sarà data la partenza della prima delle tre manches della gara di regolarità della rievocazione del GP. Ad aprire la sfilata ci sarà la fanfara dell’Aeronautica Militare di Bari che ha scelto di esser vicina all’iniziativa per rinsaldare il legame con la città. Al termine della gara, intorno alle ore 15, la sala Massari del Comune di Bari ospiterà la cerimonia di premiazione. Alla cerimonia prenderà parte anche Maria Leitner, giornalista del Tg2, conduttrice del TG2 Motori e madrina dell’evento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione