Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 12:21

Morì un bimbo di 2 anni

Strage Palagiano, chiesto
l'ergastolo per mandante

strage di palagiano

Il luogo dell'agguato

Nel processo in Corte d’Assise, a Taranto, i pubblici ministeri Alessio Coccioli e Remo Epifani hanno chiesto l’ergastolo per Giovanni Di Napoli, detto «Nino il Calabrese», ritenuto il mandante del triplice omicidio avvenuto la sera del 17 marzo 2014, sulla strada statale 106, nel territorio di Palagiano (Taranto). Nell’agguato furono ammazzati Cosimo Orlando, la sua compagna, Carla Maria Fornari, e il figlio di lei, Domenico Petruzzelli, di due anni e mezzo, mentre si salvarono i suoi due fratellini. Il movente sarebbe legato a contrasti personali tra Di Napoli e Orlando.
I rappresentanti dell’accusa hanno chiesto inoltre 4 anni di reclusione per Giuseppe Ruffano, di San Giorgio Jonico, imputato per il furto, in concorso con Di Napoli, della Opel Astra, auto che sarebbe stata usata come mezzo di copertura la notte dell’eccidio. Antonio Valente e Antonio Daraio, entrambi residenti a Palagiano, accusati di favoreggiamento personale nei confronti di Di Napoli. Oggi hanno discusso anche gli avvocati di parte civile Fabio Salomone e Giovanni Vinci, costituitisi in giudizio per i genitori di Carla Fornari e per i due bambini sopravvissuti alla strage. Il collegio difensivo discuterà il 21 e il 26 aprile, mentre il 28 aprile spazio ad eventuali repliche e alla camera di consiglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione