Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 15:59

A Ruvo di Puglia

Parco Murgia, sequestrata
area di oltre 9 ettari
«Abbattute 600 querce»

I Forestali hanno ricostruito la storia delle piante dopo una serie di sopralluoghi: tagliati alberi per far posto a un vecchio uliveto

Parco Murgia, sequestrataarea di oltre 9 ettari «Abbattute 600 querce»

Un'area di oltre 9 ettari in cui sono stati eseguiti tagli di centinaia di roverelle non autorizzate è stata sottoposta a sequestro preventivo dai Carabinieri Forestali di Ruvo in località Lama delle Grotte sul Parco dell'Alta Murgia, in agro di Ruvo di Puglia. Gli accertamenti dei militari avrebbero stabilito che dopo decenni di abbandono colturale e per far posto all’originario uliveto sono state abbattute centinaia di querce della specie “Roverella” tipiche dei boschi dell’Alta Murgia, il cui materiale legnoso era ancora accatastato sul luogo.

Grazie ai rilievi dendrometrici, è risultato che le piante abbattute e sradicate sono state oltre 600 con diametri variabili dai 10 ai 40 centimetri. I successivi riscontri documentali hanno stabilito che per i lavori eseguiti non risultavano essere state rilasciate le prescritte autorizzazioni paesistico ambientali e neppure il nulla osta dell’Ente Parco.

Per questo l’intera superficie vincolata in quanto area Parco, Zps e in generale vincolo paesaggistico a tutela dei boschi, per oltre 90.000 mq, è stata posta sotto sequestro preventivo. Tre i soggetti deferiti all’Autorità Giudiziari in qualità di proprietari ed esecutori materiali dei lavori abusivi. Per il Coordinatore del CTCA, Capitano Giuliano Palomba “l’attività di controllo effettuata su un’area impervia ha permesso di tutelare una porzione di territorio ad elevata vocazione ambientale, evitando l’ulteriore taglio di centinaia di querce con evidente danno all’ecosistema”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione