Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 12:35

lotta di mala

Ancora sangue a Bari
si spara a Japigia: un morto

sparatoria a Bari

foto Luca Turi

BARI - Si continua a sparare a Bari. Ancora una volta nel quartiere Japigia, nella stessa zona dove il 18 gennaio scorso è stato ucciso in via Prezzolini Francesco Barbieri e poco distante da dove il 6 marzo scorso, è stato ucciso in un altro agguato Giuseppe Gelao e ferito Antonino Palermiti.

Questa volta a rimanere sull'asfalto in via Archimede, vicino al liceo Salvemini, un giovane uomo, Nicola De Santis, 29 anni. Dalle prime ricostruzioni sembra che la vittima fosse in sella ad una moto quando è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco alla testa e al torace. E' stato soccorso da personale del 118 che lo ha trasferito in ambulanza al Policlinico, ma l’uomo è morto poco dopo l’arrivo. Sull'episodio indaga la polizia. 

Nicola De Santis è stato ucciso in via Archimede, in una zona in cui opera il clan del boss Savinuccio Parisi. Anche dopo essere stato ferito, De Santis avrebbe proseguito la corsa col suo motore per alcuni metri fino a via Prezzolini dove poi è caduto al suolo; numerosi i bossoli trovati sul posto dalla polizia.

Il giovane fu arrestato un anno fa dalla polizia nell’ambito di controlli anticrimine a Japigia: fu trovato in possesso di una pistola giocattolo modificata, in grado di ospitare proiettili calibro 9, e di qualche grammo di hashish, cocaina e marjiuana.
Sull'omicidio indaga la Squadra Mobile che non esclude che possa esserci un collegamento con l’agguato compiuto un mese fa sempre nello stesso quartiere, e in cui perse la vita Giuseppe Gelao e fu ferito Antonino Palermiti, di 29 anni, nipote del boss Eugenio. Indagini sono in corso per chiarire l'eventuale vicinanza di De Santis al clan Parisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione