Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 17:05

causa a brindisi

Mamma fugge con figlio
in Kazakistan
padre lo rivuole a casa

tribunale giustizia

BRINDISI - Vuole riabbracciare il figlio di 3 anni un papà di Brindisi che non riesce ancora a riportare il piccolo in Italia dal Kazakistan, nonostante ci sia una sentenza di condanna a due anni di reclusione per sottrazione e trattenimento di minore all’estero, emessa dal Tribunale di Brindisi il 16 febbraio 2017, nei confronti della madre, straniera. Per la donna è stata disposta anche la sospensione della potestà genitoriale.

Il piccolo Adelio si trova in Kazakistan dall’ottobre 2015, quando la donna lo portò via senza avvertire il marito, lasciando a casa solo una lettera di scuse. E’ stata processata a Brindisi per averlo «condotto e trattenuto con sé nella città di Taraz presso l’abitazione della propria famiglia d’origine, contro la volontà del marito e di fatto impedendogli l’esercizio della responsabilità genitoriale». Il padre del bimbo ha avviato anche una battaglia giudiziaria in Kazakistan, per vedere riconosciuti i propri diritti.

Nel febbraio 2016, su istanza della moglie, era stato istruito infatti, dinanzi alla Corte di Taraz, un giudizio per separazione, con affido del minore. Tale giudizio - riferisce il legale Pierluigi Morena - si è chiuso in poche battute, con la separazione coniugale e affido del piccolo Adelio alla madre. La sentenza - spiega il legale - è stata però impugnata, quindi annullata in appello ieri e sarà ora celebrato un altro giudizio innanzi alla Corte di Taraz, con udienza fissata per il giorno 10 aprile, che tratterà nel merito l'affidamento del minore, valutando anche gli aspetti contenuti nella sentenza penale italiana.

Il papà attende ora con ansia e speranza che le decisioni dei giudici italiani possano essere recepite anche all’estero: «Chiediamo aiuto alle istituzioni italiane, al ministero della Giustizia, perché si attivino quanto prima - dichiarano i famigliari italiani del bimbo che ha la cittadinanza italiana - perché speriamo di poter riavere a casa Adelio quanto prima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione