Cerca

Venerdì 15 Dicembre 2017 | 15:16

Dopo gli scontri di ieri

Tap, nuove tensioni al cantiere
Sassaiola, ferito un operaio
E i camion portano via altri ulivi

Tap, nuove tensioni: Polizia cacciamanifestanti e sindaco MelendugnoE i camion portano via già 28 ulivi

Foto Rocco Toma

MELENDUGNO (LECCE) - Ancora tensioni davanti ai cancelli del cantiere Tap di San Foca di Melendugno dove anche oggi sono proseguiti i lavori di espianto degli ulivi dal tracciato del microtunnel del gasdotto che porterà in Italia il gas dell’Azerbaijan e dove da quasi due settimane protestano gli attivisti contrari al progetto di Trans-Adriatic Pipeline.

Dopo gli scontri di ieri tra forze dell’ordine e manifestanti, oggi il momento di maggiore contrasto è stato quando gli attivisti - una trentina in tutto - che si erano seduti davanti al cancello sono stati spostati con la forza dalla polizia e portati in una zona poco distante per consentire l'uscita dei tir che trasportano gli ulivi espiantati (oggi 75) in un centro di stoccaggio poco distante. Una volta allontanati, i manifestanti hanno raggiunto la parte posteriore del cantiere e hanno cominciato a lanciare sassi all’interno dell’area dove erano in corso le operazioni di eradicazione: un operaio, un 39enne di Copertino, per la tensione, è stato colto da malore. E' stato soccorso e portato in ospedale per un sospetto infarto.

Anche oggi c'erano i sindaci e tra loro il primo cittadino di Melendugno, Marco Potì, che ha cercato più volte di placare gli animi anche se a un certo punto, dopo essere stato spinto da un poliziotto, si è tolto per protesta la fascia tricolore.
Nella notte si erano verificati episodi anti-gasdotto: persone non identificate avevano fatto esplodere una bomba carta davanti ai cancelli del cantiere, avevano seminati chiodi sulla strada che percorrono i tir con a bordo gli ulivi e in più punti la rete di recinzione era stata privata di numerosi bulloni. I 'No Tap' hanno inoltre pubblicato sul profilo Facebook un elenco di aziende che 'lavorano per Tap', tra cui anche quella che ha vinto l’appalto per lo spostamento e la ricollocazione degli alberi di ulivo espiantati. Per Tap all’interno della protesta esistono «comportamenti violenti» e l’azienda annuncia che "continuerà a denunciare ogni comportamento violento e ogni minaccia». Anche la Chiesa di Lecce segue «con preoccupazione e inquietudine» quello che sta avvenendo a Melendugno. L'arcivescovo, Domenico D’Ambrosio, fa un accorato appello al dialogo e invita ad «una pausa per riflettere e ascoltare le ragioni del territorio», perché si cerchino soluzioni «le più opportune per il rispetto delle popolazioni» ma anche - precisa - per la salvaguardia dell’ambiente.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sostenuto dai sindaci del Salento coinvolti nella vicenda, intanto insiste: il progetto del microtunnel del gasdotto non è ancora validato dalla commissione di Via nazionale e quindi non è cantierizzabile». Emiliano continua a dire 'nò a quello che chiama il «ricatto» dell’approdo a San Foca: «se fosse stata accolta l’indicazione della Regione Puglia che, d’accordo col Comune di Squinzano (Lecce), - ribadisce - ha chiesto la localizzazione dell’approdo nell’area industriale della centrale Enel, quindi in una zona già compromessa dal punto di vista ambientale, non avremmo avuto incidenti e incomprensioni». Ma proprio il sindaco di Squinzano, Mino Miccoli, smentisce qualsiasi tipo di accordo: «mai detto sì alla Tap. Abbiamo detto - precisa - di essere disponibili a parlarne a patto che si proceda prima alla riconversione da carbone a gas della centrale di Cerano». Il sito di Melendugno - precisa il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti - «è quello che presentava il minor impatto ambientale», dopo l’esame di «14 soluzioni alternative in 5 siti differenti» da parte della commissione tecnico-scientifica che rilascia la Valutazione di impatto ambientale (Via). Domani riprendono le operazioni di espianto degli ulivi, la zona rimarrà presidiata dai 'No Tap'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione