Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 14:07

ilva e lavoro

Per 800 cassintegrati
210 ore di formazione

Ilva taranto, lavoratore

TARANTO - La Regione Puglia metterà a disposizione 210 ore di formazione e riqualificazione professionale procapite per 800 dei 3300 lavoratori Ilva che dall’inizio del mese, scaduti i contratti di solidarietà, sono in cassa integrazione straordinaria. L’intervento è stato individuato ieri nell’incontro che a Bari i sindacati metalmeccanici hanno avuto con la stessa Regione. Lunedì a Taranto i sindacati incontreranno l’Ilva e individueranno i profili formativi più opportuni in relazione alle necessità dell’azienda. I centri per la formazione verranno scelti nell’area di crisi complessa costituita dai Comuni di Taranto, Massafra, Statte, Crispiano e Montemesola.

La Regione Puglia metterà a disposizione le risorse per la formazione mentre il Parlamento, con l’ultima legge del Mezzogiorno, attraverso un emendamento del Governo, ha stanziato 24 milioni di euro che servono a mantenere la copertura economica della cassa integrazione straordinaria all’Ilva al 70 per cento della retribuzione. In pratica lo stesso livello percepito dai lavoratori con i contratti di solidarietà. Questo per una platea massima di 3500 unità (ma la cassa riguarda un numero inferiore di addetti). Gli 800 interessati alla formazione sono quelli adibiti agli impianti in situazione più critica e, come tali, soggetti a lunghe fermate produttive (è il caso, per esempio, dei tubifici). Ieri alla Regione i sindacati hanno inoltre chiesto che la formazione coinvolga anche il personale dell’indotto interessato dagli ammortizzatori sociali e che contribuisca a integrare il reddito.

L’Ilva, intanto, ha già fatto con i sindacati un primo punto sull’applicazione della cassa integrazione che è legata alla durata dell’amministrazione straordinaria. In quest’incontro l’azienda ha annunciato che a maggio la produzione di ghisa da trasformare in acciaio risalirà dalle attuali 13.500-14mila tonnellate al giorno a 16mila-16.500 posizionandosi così allo stesso livello dei mesi scorsi. Nell’incontro l’azienda ha fornito un aggiornamento sull’andamento produttivo del sito e ha presentato i principali interventi di manutenzione programmata e straordinaria preliminari all’aumento dei volumi di produzione da maggio. L’Ilva ha anche dato la propria disponibilità a incontrare mensilmente i rappresentanti dei lavoratori per analizzare sia l’andamento produttivo del sito che le prospettive di breve-medio periodo. Durante l’incontro settimanale previsto dall’accordo, che si svolgerà sempre di lunedì, verranno invece discussi temi specifici legati al ricorso alla cassa integrazione straordinaria tra i quali dati consuntivi, rotazione del personale, ricollocazione, addestramento e formazione e quanto ritenuto utile alla buona gestione dell’ammortizzatore sociale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione