Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 22:47

emergenza a santeramo

«Ci sono 240 cani da sfamare
e il Comune non paga la retta»

canile di santeramo

di ANNA LARATO

SANTERAMO IN COLLE - Senza la retta di gestione del Comune il canile rifugio Anpa in contrada D’Addosio è in emergenza. Dal mese di novembre 2016 la retta mensile, pari a 2 euro e 25 centesimi al giorno a cane, per il servizio di custodia, cura e mantenimento dei cani randagi di proprietà del Comune ricoverati nel rifugio e assistiti dalla associazione non viene più pagata. Disperata arriva la denuncia di Mariella Digirolamo presidente della locale Anpa, che in una nota comunica di aver informato la Procura.

La situazione è drammatica: 240 cani da sfamare e assistere ogni giorno, medicinali da comprare, veterinario da pagare per sterilizzazioni e assistenza medica ai cani anche su strada. Il canile si ritrova con l’acqua alla gola visto che le mensilità, promesse dal Comune, non sono state ancora pagate. «Questo mio appello nasce dalla seria disperazione che in questi giorni avvolge la mia vita e quella de 240 cani ospiti del canile rifugio Anpa. La nostra associazione- afferma Mariella Digirolamo - in tutto questo tempo per far fronte alle cospicue spese mensili legate all’acquisto di cibo per il mantenimento dei cani, alle cure mediche, all’assistenza dei tanti cani anziani, alla pulizia dei box e dell’intera struttura, ha cercato di fronteggiare la gravissima situazione economica, facendo ricorso ad aiuti economici di privati cittadini che sono intervenuti con elargizioni concesse in prestito e che si sono esaurite velocemente. Il Comune ha letteralmente abbandonato 240 cani nel rifugio Anpa. I cani di Santeramo sono stati abbandonati due volte. Prima dall’ uomo, poi dall’istituzione che avrebbe dovuto tutelarli ed assicurargli protezione e benessere».

L’ associazione ormai al limite delle forze fisiche ed economiche ha ritenuto doveroso informare anche il locale comando dei Carabinieri. «Siamo nella impossibilità di continuare a garantire il cibo ai 240 cani presenti nel rifugio. Il Comune si è reso responsabile di abbandono e maltrattamento di animali, pertanto l’ Anpa – scrive nella nota Mariella Digirolamo - dopo diversi e ripetuti solleciti verbali ed epistolari rivolti al Comune e rimasti, nonostante la gravità della situazione, completamente inascoltati, ha dato mandato al proprio legale affinché provveda a tutelare le nostre ragioni e degli animali presenti nel rifugio ed abbandonati dal Comune nelle sedi giudiziarie opportune anche attraverso un esposto alle autorità competenti».

L’Anpa ha già dovuto fronteggiare l’emergenza neve senza ricevere alcun aiuto dal Comune di Santeramo: «Neanche per aprire un varco e poter raggiungere i cani rimasti isolati e sommersi dalla neve. Cani che l’associazione assiste ma che sono di proprietà del Comune. È come se un padre, nel momento del bisogno abbandonasse i propri figli. Le nostre richieste di aiuto sono rimaste completamente inascoltate ed è solo grazie alla tenacia e al lavoro assiduo e duro dei nostri volontari, che hanno spalato fino allo sfinimento, se i tutti i cani presenti nel rifugio sono riusciti a salvarsi. Ora questi i poveri animali, nonostante tutti i nostri sforzi fisici ed economici stanno rischiando di non ricevere quanto necessario al loro sostentamento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione