Giovedì 21 Giugno 2018 | 06:46

per un batterio

Infezione in clinica Oculistica
Bari, 4 pazienti operati di nuovo
«Mio padre rischia la vista»

Infezione in clinica OculisticaBari, 4 pazienti operati di nuovo

Sala operatoria chiusa nella clinica oculistica del policlinico dopo il caso di un'infezione che ha coinvolto quattro dei 50 pazienti ricoverati lunedì scorso per un intervento di cataratta. I quattro pazienti erano rientrati nelle loro abitazioni ma dopo alcune ore hanno iniziato ad avvertire fenomeni di vario genere fino alla perdita della vista.
Dopo due giorni sono rientrati al Policlinico per una visita e per tutti e quattro si è reso necessario un nuovo ricorso alla chirurgia.
È la prima volta che un fenomeno del genere si verifica dopo 12.000 interventi fatti negli ultimi anni nel reparto senza alcun problema. La commissione «risk management» diretta dal professor Alessandro Dell’Erba ha avviato un'indagine interna per verificare l'origine dell'infezione presumibilmente causata da un batterio trasmesso dall'impianto di areazione. Di qui la chiusura della sala operatoria per consentire le operazioni di bonifica.
I quattro pazienti nel frattempo hanno recuperato la vista è sono in fase di guarigione, secondo dichiarazioni del Policlinico.

«MIO PADRE RISCHIA LA VISTA» - «Non è vero che i quattro pazienti che sono stati infettati sono stati rioperati ed ora va tutto bene. Mio padre rischia la vista». È arrabbiato Luca Mirizio, figlio di Antonio, uno dei 4 pazienti operati di cataratta e che hanno contratto un batterio durante l'operazione: «Mio padre è stato portato d'urgenza al Miulli di Acquaviva sabato ed operato immediatamente, ma con scarsi risultati visto che lunedì è nuovamente in sala operatoria. I medici che l'hanno preso in carico ci hanno detto che il rischio c'è, perché non si riesce a debellare il batterio, anzi, non si sa ancora che batterio è. Ora stanno iniettando nell'occhio di mio padre del silicone per cercare di contrastate l'azione dell'infezione». «Al Miulli abbiamo trovato un'accoglienza unica - sottolinea il sig. Mirizio -, mio padre è stato preso in carico immediatamente, seguito con attenzione, ma l'infezione era già piuttosto grave, ecco il perché di questi due interventi così ravvicinati».

Insieme al signor Mirizio all'ospedale di Acquaviva delle fonti è stato portato anche un giovane uomo di Casamassima. «Non conosco la situazione dell'altro paziente, ma ripeto, per mio padre la realtà è tutt'altro che superata, è grave, molto grave. Dopo questo secondo intervento ci hanno detto che mio padre dovrà stare ricoverato per due mesi prima di capire se l'operazione ha fatto effetto ed eventualmente essere sottoposto ad un altro intervento». «La cataratta dovrebbe essere una operazione di routine, ma per mio padre si è trasformata in una tragedia di cui ancora non si vede fine». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Raffaele migliora ma serve ancora aiuto

Migliora 24enne barese sulla sedia a rotelle, ma serve ancora aiuto

 
Il ministro della Giustizia propone Basentini a capo del Dap

Il ministro della Giustizia propone Basentini a capo del Dap

 
Om Carrelli, venerdì corteo dei lavoratori

Om Carrelli, venerdì corteo dei lavoratori

 
Famiglia del dj Navi denuncia il Pm

Famiglia del dj Navi denuncia pm

 
Dal 16 luglio le immatricolazioni all'Università di Bari

Dal 16 luglio le immatricolazioni all'Università di Bari

 

MEDIAGALLERY

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

 
Economia TV
Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Spettacolo TV
Cinema, tra umano e divino

Cinema, tra umano e divino

 
Italia TV
La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

 
Calcio TV
Mondiali, la Russia vede gli ottavi

Mondiali, la Russia vede gli ottavi