Cerca

Domenica 20 Agosto 2017 | 08:01

Omicidio Semeraro

Ostuni, assolto in primo grado
in appello condannato a ergastolo

Il 47enne è stato arrestato in aula dopo il verdetto. La prova del Dna

Ostuni, assolto in primo gradoin appello condannato a ergastolo

Ribaltata la sentenza assolutoria di primo grado, è stato condannato all’ergastolo e arrestato in aula il 47enne di San Michele Salentino (Brindisi), Nicola Chirico, accusato di aver ucciso il 36enne ostunese Cosimo Semeraro, detto 'Mimmo Capellonè, assassinato a colpi di fucile nelle campagne della Valle d’Itria ai confini di Ostuni, il 9 novembre del 2007.
A fare appello era stato il procuratore della repubblica di Brindisi, Marco Dinapoli, che aveva invocato l’ergastolo già davanti alla Corte d’Assise di Brindisi che però aveva assolto l'imputato con formula dubitativa. L’intero processo si era fondato sulla prova del Dna. Consulente della difesa, sostenuta dagli avvocati Ladislao Massari e Paolo Barone, era stato Adriano Tagliabracci, docente universitario di Medicina legale all’università delle Marche, già consulente in un paio di casi giudiziari celebri, l’omicidio di Meredith Kercher e il delitto di Melania Rea. Parte civile la compagna della vittima.
La difesa aveva sostenuto che le comparazioni del Dna, che avevano portato all’arresto nel 2014 del presunto killer, non fossero al riparo da dubbi su una eventuale contaminazione della scena del delitto e che comunque la presenza del profilo di Chirico sugli indumenti della vittima non desse certezza che fosse uno dei sicari. Chirico fu arrestato nel 2014 e chiamato a rispondere dell’omicidio sulla scorta di una perizia dei Ris fatta nell’ambito di un’altra inchiesta a suo carico, per una violenta rapina compiuta a Brindisi nell’aprile del 2012.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione