Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 09:28

L'uomo è ai domiciliari

Casamassima, 92enne aggredita
e rapinata in casa: preso 42enne

Casamassima, 92enne aggreditae rapinata in casa: preso 42enne

Un 42enne di Casamassima, Tommaso Summa, è stato arrestato ieri sera dai Carabinieri subito dopo aver aggredito e rapinato in casa - insieme a un complice - una donna anziana di 92 anni. La donna, che vive da sola in un appartamento della cittadina, è stata attirata alla porta con una scusa e, dopo averla aperta, è stata colpita da uno dei delinquenti.  I malfattori si sono così introdotti nell’abitazione dell’anziana donna e, nel mentre uno dei due razziava i vari oggetti in oro custoditi nella stanza da letto, l’altro, dopo averla strattonata e scalciata, le sfilava violentemente l’anello nunziale dal dito.

Subito dopo l’accaduto, l’anziana donna riusciva a dare l’allarme di quanto accaduto al 112. La centrale operativa dei Carabinieri ha così immediatamente  fatto convergere tutte le pattuglie disponibili, che hanno rastrellato in lungo e in largo il paese. Dopo alcune ricerche e in base alle descrizioni fornite dalla vittima, è stato individuato uno dei due malviventi, Tommaso Summa, già noto alle Forze di Polizia. Rintracciato, aveva con sè parte della refurtiva in oro, che, dopo il riconoscimento, è stata restituita all’anziana signora. La vittima nel frattempo è stata medicata dal personale del “118” per le lesioni e abrasioni ricevute. Fortunatamente se l’è cavata con qualche contusione e con un grande spavento.

L’uomo arrestato per rapina, è stato posto agli arresti domiciliari. Sono in corso indagini per catturare il complice. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini

    15 Febbraio 2017 - 08:08

    Cosa c'è di più spregevole dell'aggredire e rapinare una povera donna 92enne? Nello strapparle dal dito l'anello nuziale, che forse era il suo bene più prezioso dal punto di vista affettivo? Se in casi come questi non viene disposta la custodia cautelare in carcere, ma ci si limita ai domiciliari, i giudici proclamano il trionfo dei lupi contro le inermi pecorelle.

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione