Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 21:39

Taranto

Donna morta per aneurisma
processo per due medici

tribunale taranto

TARANTO - Due medici di Taranto, in servizio all’epoca dei fatti uno al pronto soccorso dell’ospedale Moscati e l’altro all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto, sono stati rinviati a giudizio dal gup Paola Incalza per l’ipotesi di omicidio colposo in relazione alla morte di una donna di 40 anni per le conseguenze della rottura di un aneurisma il 29 luglio del 2015, tre giorni dopo essere stata operata alla testa per una forte emorragia.

Secondo l’esposto presentato dall’avvocato Maria Letizia Serra, che si è costituita parte civile per conto del marito e delle tre figlie della paziente, la donna il 14 e il 17 luglio di due anni fa si era rivolta prima all’ospedale Moscati e poi al Santissima Annunziata per un forte mal di testa, chiedendo una Tac urgente perché sua madre era morta di aneurisma e temeva che potesse capitare anche a lei la stessa sorte. In entrambe le occasioni, secondo il legale, la donna era stata dimessa senza il ricorso all’esame strumentale con diagnosi prima di gastroenterite e poi di cervicalgia, visto che aveva anche nausea e annebbiamento della vista. Il 22 luglio, la 40enne fu riportata d’urgenza all’ospedale Moscati già in coma e successivamente trasferita con ambulanza al Santissima Annunziata, dove fu sottoposta a un intervento chirurgico alla testa. Tre giorni dopo la donna morì. Il processo inizierà il 3 luglio prossimo davanti al tribunale monocratico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione