Lunedì 23 Luglio 2018 | 04:27

lago inquinato

Lesina, una distesa
di canne e polistirolo
arriva dai canali

lago di lesina

Il lago di Lesina

LESINA - Una distesa di circa cinquecento metri quadri di canne e casse i polistirolo. Campeggiano sulle acque del lago di Lesina, nella zona occidentale, «placcando» il Parco ornitologico fiore all’occhiello di quest’angolo di Gargano. Sono i rifiuti portati dal maestrale e riversati nella laguna dai tanti canali che, attraversando le campagne, circostanti, affluiscono poi nello specchio d’acqua.
Un colpo d’occhio non bello a vedersi che invece fa bella mostra per alcuni centimetri sul pelo dell’acqua. E’ lì da tre giorni in attesa che si metta in moto la macchina per la rimozione dei detriti (e non solo).
Sì, perché, oltre alle cannucce, spicca il bianco di numerose cassette di polistirolo abbandonate da agricoltori poco convinti dell’amore per la natura e che si disfano dei contenitori riversandoli nei corsi d’acqua dei canali. Nient’affatto preoccupati dall’idea che quelle cassette di polistirolo (sostanza inquinate e comunque pericolosa se ingerita da uccelli acquatici o fauna ittica) poi vengono trascinate nel lago da anni “custodito” e difeso dall’amministrazione comunale con un’atttenta e oculata opera di bonifica e recupero.

In Municipio è già scattato l’allarme e sono state attivate le procedure necessarie per la bonifica di questo spicchio di lago interessato dal fenomeno. «Ho subito attivato la Protezione civile - spiega il sindaco Pasquale Tucci affinché questa chiazza di detriti venga rimossa al più presto. Eccezion fatta per le casse di polistirolo abbandonate da qualche sprovveduto, si tratta di detriti naturali portati nel lago dalle piene dei giorni scorsi quando sull’alto Tavoliere si sono registrati continui rovesci. Il nostro territorio conta un bacino di ben 25 canali che, dopo aver attraversato l’agro, sfociano nella laguna. Chiaro che , quando sono pieni, questi corsi d’acqua trascinano tutto ciò che trovano lungo il loro percorso. Le canne, in questo caso, di cui il nostro habitat naturale è molto ricco, e, purtroppo, anche le casse di polistirolo».
Un allarme per un eco-sistema molto vulnerabile. «Ecco perché ci siamo mossi subito - conclude il primo cittadino -. Da anni stiamo lavorando per il recupero della laguna e di tutte le sue annesse ricchezze per favorire lo sviluppo turistico della nostra comunità. Un motivo in più per sperare in un intervento immediato. Pur tuttavia, ho già predisposto un piano comunale per la rimozione dei detriti. Appena le condizioni meteo lo permetteranno il mezzo adibito alla pulizia della laguna farà il suo lavoro e tutto tornerà alla normalità». [a.d’a.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Latiano, Villa Romatizza, quel benedell' Asl (che vale 7, 8 mln di euro)

Villa Romatizza, quel bene abbandonato
dell'Asl (che vale 7,8 mln di euro) Foto

 
Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali in allevamento: morte oltre 400 bestie

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS