Cerca

a ritmo di pizzica

Fuecu accenderà
la Focara Novoli

focara di Novoli

La focara a Novoli

NOVOLI (LECCE) - Dopo l’emergenza neve che ha ritardato di qualche giorno i lavori, splende finalmente il sole a Novoli (Lecce) dove la Focara, il più grande falò del Mediterraneo eretto in onore di Sant'Antonio Abate, è pronto per ardere, domani 16 gennaio, alle ore 20 in piazza Tito Schipa. Ai piedi della gigantesca pira, alta 25 metri con un diametro di 20, questa mattina c'era ancora chi posava le ultime delle 90mila fascine di tralci di vite. «Ci arrampichiamo fin lassù da quasi trent'anni - spiegano - e i lavori, tra la raccolta del materiale nelle campagne fino a quando si monta tutto, durano quasi due mesi». Ma per capire cosa significhi davvero la Focara da queste parti, è sufficiente chiederlo a loro e stare a guardare i volti rigati dalle lacrime mentre rispondono, piangendo, che «è tutto per noi, il cuore e l’anima».

Nonostante la strategia del terrore abbia avuto effetti anche qui, sono attese nei tre giorni di festa (dal 16 al 18 gennaio) circa 70mila persone. «Dipenderà anche dal meteo», spiega l'assessore ai Lavori pubblici di Novoli, Antonio Sozzo, precisando che è «eccessivo» chiamare piano anti-terrorismo quanto predisposto nel paese di 8.500 abitanti, ma il Comune ha lavorato con prefettura e questura, sia pure in assenza di una minaccia precisa, per la prevenzione. E così sono state predisposte ai varchi di accesso a Novoli le barriere new jersey, per impedire che mezzi pesanti possano irrompere; e poi transenne più internamente dove avverranno i controlli a campione da parte delle forze dell’ordine che saranno presenti anche nell’area del festival.

Qui, domani sera, si esibirà Vinicio Capossela che potrebbe cantare anche un brano scritto per l’occasione: 'Focara Focarà. Mentre l’accensione con i fuochi pirotecnici sarà scandita dal battere dei tamburelli della pizzica con il brano Fuecu di Daniele Durante, sulle cui note danzerà il corpo di ballo de La Notte della Taranta.

Questo è solo uno dei risultati che ha portato un anno di intesa tra le fondazioni Focara e Notte della Taranta, il cui intento è anche quello di destagionalizzare il turismo. Lo ha sottolineato anche l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone: «E' un evento che punta su tradizione e rito - ha detto partecipando in mattinata a una conferenza stampa - ma anche all’attrattività, richiamando ogni anno pubblico dall’Italia e dall’estero».

"Quest’anno, tra mostre, conferenze e incontri preparatori - ha concluso il sindaco di Novoli e presidente della fondazione Focara, Gianmaria Grieco - è stato un intero mese di fuoco: il clou sarà l’accensione della Focara cui assisteranno invitati delle testate di tutto il mondo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione