Martedì 19 Giugno 2018 | 05:02

Bari

Abusivi nelle case popolari
S’indaga su Arca e Comune

L'ipotesi di reato è omissione di atti d'ufficio per ora a carico di ignoti

Abusivi nelle case popolari  S’indaga su Arca e Comune

di Giovanni Longo

BARI - Istanze di alloggi popolari e di sanatoria dimenticate in qualche cassetto, adesso la Procura indaga anche su possibili responsabilità di amministratori pubblici. L’inchiesta sull’occupazione abusiva di centinaia di case popolari al quartiere San Paolo, dunque, si allarga. L’ipotesi di reato è «omissione di atti d’ufficio» a carico di ignoti. Al momento non ci sono indagati, dunque, ma le verifiche del pm Baldo Pisani, che coordina gli accertamenti dei Carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale, riguardano l’operato dell’Arca e del Comune. Il sospetto, ancora tutto da verificare, è che nel complesso intreccio tra deposito delle istanze, sanatorie, rimpalli di carte tra uffici pubblici, potrebbero essere stati commessi degli illeciti. Nel mirino, in particolare, i ritardi dell’amministrazione nelle risposte sulle istanze di sanatoria avanzate dagli inquilini abusivi. Le domande più datate, ricordiamo, risalgono addirittura al 1996. Venti anni fa c’è stato chi ha chiesto al Comune e allo Iacp (oggi Arca) un alloggio e non averebbe ancora ricevuto una risposta. In alcuni casi, le carte non si troverebbero, perse in chissà quale archivio.

Gli appartamenti in questione si trovano tutti nel complesso di via Don Carlo Gnocchi che comprende 443 alloggi popolari di proprietà del Comune gestiti dall’Arca. Per circa 222, stando alle indagini, ci sono irregolarità, al punto che la procura aveva chiesto il sequestro di 134 case. «Tale occupazione - spiegava la Procura - ha avuto natura invasiva ed arbitraria non essendovi stata alcuna legittimazione da parte delle pubbliche amministrazioni competenti che, al contrario, hanno emesso provvedimenti di assegnazione in favore di altri e differenti soggetti».

Ma il giudice delle indagini preliminari, nell’ottobre scorso, aveva rigettato quasi tutte le richieste, tranne 14 alle quali però aveva concesso il sequestro con facoltà d’uso, sottolineando «l’inerzia del Comune che tarda ad esaminare le istanze di sanatoria». Un primo campanello d’allarme per gli uffici pubblici. «Non può darsi voce solo al diritto di coloro che - spiegava a questo proposito il pm - abusivamente entrati in possesso di immobili, sono in attesa della definizione di una sanatoria spesso pretestuosamente presentata pur in assenza dei relativi presupposti».

La Procura aveva quindi impugnato il «no» del giudice per 111 alloggi ottenendo dal Riesame, poco prima di Natale, il sequestro di 88 appartamenti. Per gli altri 23 c’era stata rinuncia del pm o rigetto da parte del Riesame perché nelle more le situazioni di occupazione abusiva si sono nel frattempo sanate. Un lavoraccio quello fatto dai giudici, sezione Misure di Prevenzione che hanno analizzato le singole situazioni, emettendo altrettanti provvedimenti. Tra i tanti, solo per fare un esempio, c’è il caso di una famiglia che aveva ottenuto l’assegnazione di un alloggio di due vani ma abusivamente aveva deciso, vent’anni fa, di occuparne uno più grande - «così come peraltro all’epoca promessogli dall’allora assessore» - concedendo l’altro ad un parente. Anche per loro il Tribunale aveva disposto sequestro e sgombero in quanto, nel caso specifico come in tanti altri, le istanze di sanatoria sono state rigettate dal Comune. Uno sgombero non facile che dovrà avvenire non prima di 60 giorni dalla notifica, salvo impugnazioni in Cassazione (che prolungherebbero ulteriormente i tempi di esecuzione dei sequestri).

I giudici avevano sostanzialmente condiviso l’ipotesi del pm ritenendo ciascuno degli 88 casi analizzati «davvero sintomatico del malcostume diffuso in questo territorio di considerare gli alloggi pubblici quale beni privati di cui poter liberamente disporre, così contribuendo a formare l’humus che ha portato a gravissime degenerazioni con infiltrazioni della criminalità organizzata in alcuni quartieri quale quello di Japigia».

Si tratta di situazioni che vanno avanti da decenni e che sono finite all’attenzione della magistratura barese dopo un esposto presentato nel 2014 dal sindaco di Bari con cui si denunciavano difficoltà nella assegnazione di alloggi di edilizia popolare in favore di legittimi assegnatari a causa del riscontro di fenomeni di occupazione abusiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Uccise mamma e bimba di 2 anni, confermato ergastolo a killer della Scu

Uccise mamma e bimba di 2 anni, confermato ergastolo a killer della Scu

 
Uccise la madre, assolto per infermità mentale

Uccise la madre, assolto per infermità mentale

 
Apre a Bari «Casa Ain Karem» per le donne in difficoltà

Apre a Bari «Casa Ain Karem» per le donne in difficoltà

 
Italia fuori dal Mondiale, 31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Italia fuori dal Mondiale, 31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

 
Cdp apre a Bari terzo ufficio territoriale Sud

Cdp apre a Bari terzo ufficio territoriale Sud

 
Branco picchia e rapina due giovani foggiani nel centro Roma

Branco picchia e rapina due giovani foggiani nel centro Roma

 
Palagiustizia Bari, il Csm sollecita: urge intervento

Palagiustizia Bari, il Csm sollecita ancora: urge intervento

 
Bari, a Torre Quetta la passerella per i disabili

Bari, a Torre Quetta la passerella per i disabili

 

MEDIAGALLERY

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 
Le emozioni di Vasco:Il meglio del sold out al San Nicola di Bari

Le emozioni di Vasco: il meglio del sold out al San Nicola di Bari

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

La corsa notturna Vd
della «Gazzetta»
torna la Bari Night Run

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

Corri la sera con la «Gazzetta»: il 29 giugno c'è la Bari Night Run Video

 
Taranto, truppe schierate sul Mar Piccolo: ecco la Battaglia tra Normanni e Bizantini

Taranto, ecco sul Mar Piccolo la Battaglia tra Normanni e Bizantini

 
Bari, treni in ritardo fino a due ore: l'attesa dei passeggeri sui piazzali della stazione

Bari, treni in ritardo fino a due ore: l'attesa dei passeggeri sui piazzali della stazione

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Ex clochard riceve macchina fotografica dal fotografo del papa

Ex clochard riceve macchina fotografica dal fotografo del papa

 
Mondo TV
Melania contro Trump: non separare bimbi da famiglie

Melania contro Trump: non separare bimbi da famiglie

 
Economia TV
Il 2% degli europei "svapa"

Il 2% degli europei "svapa"

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 18

Ansatg delle ore 18

 
Spettacolo TV
Rifugiati di ieri e di oggi

Rifugiati di ieri e di oggi

 
Calcio TV
Mondiali: la cabala delle partenze flop

Mondiali: la cabala delle partenze flop

 
Meteo TV
Previsioni meteo per martedi', 19 giugno 2018

Previsioni meteo per martedi', 19 giugno 2018