Venerdì 20 Luglio 2018 | 20:35

Emergenza neve in arrivo

Una befana da glaciazione
in Basilicata freddo record

Una befana da glaciazione  in Basilicata freddo record

In arrivo il freddo con punte di -20°

di Gaetano Brindisi

L’inverno 2016/2017 sembra prendere una piega decisamente diversa dalle ultime stagioni invernali davvero avare di neve e di freddo con conseguente danno economico agli operatori turistici e ai settori legati al mondo dello sci. Anche quest’anno sembrava non ci fossero le condizioni per una stagione diversa e invece già da fine anno abbiamo avuto la prima neve a quote basse su gran parte della regione con temperature molto fredda.

Ma il bello deve ancora venire perché l’Italia centro-meridionale sta per essere investita da una vera e propria saccatura invernale proveniente dalla Russia occidentale che farà piombare in pieno inverno gran parte delle regioni che si affacciano sull’Adriatico e su tutte le regioni meridionali, compresa la Sicilia dove è prevista neve addirittura in pianura. Per sapere se si tratterà di neve abbondante bisognerà aspettare il posizionamento del mimino depressionario che di solito, in questi casi, si forma dopo 12-24 ore dall’arrivo dell’aria fredda ma, comunque vada, si tratterà di un’ondata di freddo storica destinata a rimanere negli annali meteorologici, soprattutto dal punto di vista delle temperature.

Intanto, tra la perturbazione transitata nella giornata di ieri e il peggioramento atteso da domani mattina, avremo una temporanea pausa precipitativa tranne che sulle zone tirreniche.

Previsioni per oggi: qualche pioggia insisterà ancora sulle zone tirreniche dove maggiore sarà l’umidità; sul resto della regione avremo una nuvolosità irregolare più intensa sulle aree interne del potentino e meno sulle zone orientali del materano; le temperature, dopo l’aumento avutosi ieri, torneranno a scendere su valori pressochè normali per il periodo. I venti saranno da sud-ovest e tenderanno a rinforzare ovunque e i mari risulteranno poco mossi con moto ondoso in aumento.

Previsioni per domani: già dalla mattinata cominceranno ad arrivare i primi sbuffi da nord e le prime precipitazioni che saranno nevose inizialmente oltre i 1000 metri ma con la quota neve che con il passare delle ore si abbasserà drasticamente. Entro il pomeriggio le nevicate interesseranno le zone oltre i 400/500 metri. Le temperature caleranno sensibilmente e i venti rinforzeranno da nord.

Tendenza per la Befana: avremo una giornata con frequenti nevicate anche in pianura; i fenomeni saranno più intensi sulle aree che guardano a nord e più modesti sulla costa tirrenica. Le temperature saranno in ulteriore calo con valori fino a 10 gradi in meno delle medie.

Sono previste delle isoterme (linee che uniscono zone con uguale temperatura) di ben 13/14 gradi sottozero alla quota di 850 hpa (che è un valore di riferimento di pressione atmosferica usato in meteorologia per misurare il geopotenziale e calcolare poi le varie quote oltre le quali può cadere la neve).

Questi valori si verificano molto raramente sulla nostra penisola e quando questo accade lo si deve a correnti d’aria continentali (da est o nord/est) provenienti quindi dalla Russia o dai Paesi dell’est e non sicuramente a correnti da nord o nord/ovest, provenienti dall’Europa settentrionale o dal nord-atlantico, notoriamente più umide ma decisamente meno rigide.

I precedenti storici che hanno visto ondate di freddo di questa portata sono davvero pochi e fanno riferimento soprattutto a episodi particolarmente nevosi: febbraio 1956; gennaio 1985; febbraio 1994; dicembre 2001.

In tutti questi casi, però, fu soprattutto la neve ad essere protagonista e non i valori particolarmente gelidi che invece potrebbero e dovrebbero registrarsi nei prossimi giorni a partire da domani sera e almeno fino a lunedì 9. Se prendiamo il 1985, ad esempio, il freddo attanagliò gran parte dell’Italia con valori record (-39° in val di Fassa e -23° a Firenze) ma non sicuramente il sud dove il freddo fu certamente di casa ma fu soprattutto la neve a paralizzare gran parte della regione con scuole chiuse per oltre una settimana.

In altri casi, invece, il freddo in quota fu corposo ma si è sempre trattato di “toccata e fuga” di poche ore o al massimo di un giorno. I valori record del fine settimana, invece, resteranno sopra di noi per circa 48 ore e questo potrebbe far cadere alcuni record storici regionali con punte di temperature vicine ai -20 gradi nella vallate appenniniche più alte nel momento in cui il cielo tornerà a rasserenarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

 
Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

 
Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

 
Spaccio di droga19 arresti a Taranto

Spaccio di droga
19 arresti a Taranto

 
Università: ministra Lezzi relatrice con figlio in braccio

Ministra Lezzi contestata:
non hai bloccato gasdotto

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
Il Bari riparte dallo Stadio dell Vittoria: la diretta della Gazzetta

Il Bari riparte dallo Stadio della Vittoria: in duemila con il sindaco rivedi la diretta

1commento

 
Calcio, Bari; dipendenti mettono in mora Giancaspro

Calcio, Bari; dipendenti
mettono in mora Giancaspro

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS