Cerca

Giovedì 19 Aprile 2018 | 13:28

Potenza, via dal presepe
la Madonna col burqa

Potenza, via dal presepe la madonna col burqa

«La Madonna col burqa» ha scatenato la bufera a Potenza

di Giovanni Rivelli

POTENZA - Dopo 150 anni di resistenza da quando la Regina Margherita, a metà ‘800, segnò l’avvio dell’offensiva anglosassone dell’albero addobbato, a Potenza si apre un «fronte islamico» del Presepe. C’è una Madonna «velata» che resiste il classico Natale e Santo Stefano nella rappresentazione della Natività di una parrocchia (quella di Sant’Anna e San Gioacchino) per poi essere cacciata e far posto a una rappresentazione filippina, ma ispirata ai più classici canoni europei.

La Madonna di prima, invece, quella no. Quel presepe di fattura tunisina, parte della collezione di 200 presepi del mondo custoditi nella parrocchia, aveva una Maria col velo sul capo e con una mano che lo serrava davanti alla bocca (ma lasciando visibili viso e naso). Insomma, non il velo delle tradizionali raffigurazioni, ma quasi un burqa. E poi quel Giuseppe con la carnagione olivastra e i baffi troppo lunghi per non destare almeno qualche sospetto ai «check point» antiterrorismo.

E proprio «la Madonna col burqa» ha gridato qualcuno e si è scatenata la bufera: prese di posizione, scioperi della messa, interventi di parlamentari, manifestazioni con tanto di donna col burqa (quello vero) a denunciare l’atto «sacrilego» non tanto verso i valori religiosi, quanto verso quelli culturali. E così, nei vari commenti, abbiamo scoperto la pericolosità di quel velo, capace di minare le nostre origini, la nostra identità, addirittura la nostra ragion d’essere, consegnandoci quasi in catene alla sudditanza al califfo.

Una pericolosità insospettabile. Al punto che chi, cresciuto in una terra interna come la Basilicata, è nel mezzo del cammin della vita, solo ora si sarà reso conto della pericolosità di quel «fazzoletto» che, da bambino, vedeva anche in testa alla madre e che nei giorni più freddi veniva stretto sulla bocca in cerca di tepore. Ma quel «fazzoletto» delle nostre mamme era diverso: italianissimo e quindi cristiano.

Quest’anno, invece, la piccola parrocchia potentina aveva scoperto l’attualità dei temi del mondo arabo. E siccome un’iniziativa di solidarietà, qualche vestito o qualche giocattolo per qualche bambino giunto qui dopo essere scappato dalla guerra erano sicuramente più utili ma meno significativi ha preferito dare lo «sfratto» al bambinello bianco (nonostante le origini) utilizzato negli anni passati e posizionare al suo posto quella famigliola immigrata che ha attirato le ire di tanti.

E ora la stessa sorte di sfrattata è toccata alla Madonna velata, col parroco che ha collocato nel presepe una famigliola dal molto più rassicurante passaporto filippino. Si sa, i filippini sono così cari e pacati, pronti a prendersi cura delle nostre case e dei nostri anziani, a ringraziarci per un abito dismesso o una grotta e poi cristianissimi, proprio come noi.

Oddio, non proprio come noi. Perché noi siamo ormai tanto annoiati da badare più alla forma che alla sostanza, da utilizzare il presepe e lo stesso Gesù Bambino per ammantarci di profondità sociologica, da accapigliarci per un velo non sufficientemente aperto, pronti a ignorare comunque quel presepe tornato «classico» e cristiano. E forse l’Islam radicale ha un alleato più in questo atteggiamento che in un velo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Marozzi, dopo l'accordoprimi licenziamenti via sms

Marozzi, dopo l'accordo
primi licenziamenti via sms

 
«Ilva, i contratti con Mittalsono coperti dal segreto»

«Ilva, i contratti con Mittal
sono coperti dal segreto»

 
Bari, mafia della città vecchia21 arresti nel clan Capriati

Mafia, 17 arresti tra i Capriati a Bari:
«Le mani su una società del Porto
e il pizzo per la festa di San Nicola»

 
Bari, D'addario sotto processoper le botte alle Montereale

Bari, D'addario sotto processo
per le botte alle Montereale

 
Bari, mazzetta da 3mila euroPoliclinico: atto vergognoso

Bari, mazzetta da 3mila euro
Policlinico: atto vergognoso

 
Il Papa torna in Pugliain onore di don Tonino

Il Papa torna in Puglia
in onore di don Tonino

 
Rocco Brancati

Scomparso Rocco Brancati
riferimento nel giornalismo lucano

 

MEDIAGALLERY

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 
Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Neo artificiale diventa spia dei tumori

Neo artificiale diventa spia dei tumori

 
Economia TV
Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

 
Italia TV
Colpo alla rete di Messina Denaro

Colpo alla rete di Messina Denaro

 
Spettacolo TV
Il narcos piu' famoso

Il narcos piu' famoso