Cerca

il ministro a Bari

Manovra: Delrio: 3,5 miliardi
per rinnovare parco autobus

Trasporti, «servizi a chiamata»  per salvare i piccoli comuni

BARI - «Nella nuova legge di Bilancio, se non si fanno scherzi all’ultimo momento, ci sono 3,5 miliardi di euro per rinnovare il parco autobus. Credo non sia mai successo di avere nella storia della Repubblica un così grande investimento sul trasporto pubblico regionale». Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, parlando oggi a Bari con i giornalisti durante la visita alla sede delle Ferrovie Appulo Lucane ed alla Velostazione ospitata da marzo scorso nei locali delle Ferrovie Appulo Lucane di Corso Italia.

«Vuol dire che potremo cambiare 20 mila autobus nei prossimi 4-5 anni e rinnovare, visti gli investimenti già in corso, circa il 60% del parco circolante». Delrio si è soffermato a parlare, alla presenza dell’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini, e del presidente delle Fal, Matteo Colamussi, anche di ferrovie: «In Puglia la cura del ferro è davvero molto rilevante con la Napoli-Bari in fase avanzatissima di finanziamento, grazie ad oltre 4 miliardi già disponibili, il nodo di Bari e la Bari-Bitritto della Fal».

Novità positive - ha aggiunto Delrio - anche per la Bari-Matera, sia per la parte ferroviaria sia per la parte stradale che stanno procedendo ad ottimo ritmo». Delrio si è infine soffermato sulla «programmazione delle ciclovie turistiche» spiegando che «sono il punto chiave di un programma che mette le bici come mezzo di trasporto alla pari con bus e treni». Tra le opere citate dal Ministro la ciclovia dell’Acquedotto Pugliese ed il suo percorso cicloturistico di 500 km che segue il tracciato di due condotte storiche dell’Acquedotto: da Caposele (Avellino) a Villa Castelli (Brindisi), proseguendo sino a Santa Maria di Leuca (Lecce).

ASSESSORE GIANNINI: IN ARRIVO FONDI PER I BUS - «Per finanziare il miglioramento del parco rotabile su gomma ci sono 20-26 milioni che dovrebbero arrivare presto, come ha spiegato qui a Bari il Ministro Delrio».

Lo ha detto l’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini, parlando oggi a Bari con i giornalisti della querelle legata alla reintroduzione dell’imposta regionale sulla benzina per autotrazione per finanziare il miglioramento del parco rotabile su gomma, durante la visita del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, alla sede delle Ferrovie Appulo Lucane.

«La discussione sull'Irba è stata fatta perchè il presidente Emiliano ha preso in considerazione una richiesta avanzata dai sindaci, dall’Anci. Sapevamo e sappiamo - ha aggiunto Giannini - che prima del 2018 non era possibile introdurre l’Irba e quindi si è solo approfondita la fattibilità dell’iniziativa».

«A prescindere abbiamo l’obbligo di eliminare dalla circolazione un migliaio di autobus - ha sottolineato Giannini - su una flotta di oltre 2.500 del parco veicolare regionale. Si tratta degli E0 ed E1, mediamente con oltre 23 anni di anzianità, ampiamente oltre la soglia dei 15 anni di circolazione prevista per legge, e degli E2, oramai prossimi all’obsolescenza». «Con le risorse nazionali e con quelle inserite nel patto per la Puglia vedremo ora - ha concluso Giannini - cosa riusciremo a realizzare». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400