Cerca

Controlli della Finanza

Officine e autocarrozzerie
sequestrate nel Salento
Cinque erano abusive

Officine e autocarrozzerie sequestrate nel Salento Cinque erano abusive

LECCE - Vere e proprie attività artigiane abusive. Officine meccaniche, elettrauti e autoriparatori prive dei necessari titoli autorizzativi all’esercizio dell’attività, per la quale è prevista un’iscrizione al registro delle imprese della Camera di commercio.
Su sette officine sottoposte a controllo a Gallipoli, Nardò, Matino e Collepasso (LE), soltanto quattro sono risultate con partita Iva, mentre le altre erano completamente sconosciute al fisco.

Nel corso delle operazioni, eseguite all’interno delle autorimesse, sono state individuate tutti gli strumenti necessari alle riparazioni meccaniche, oltre a varie autovetture pronte per essere riparate o in fase di consegna.

Le attrezzature rinvenute, costituite da banconi da lavoro, attrezzi, ponti sollevatori idraulici, compressori, forni per la verniciatura, installate senza le prescritte dichiarazioni di conformità, sono state sottoposte a sequestro amministrativo, finalizzato alla successiva confisca, ed i responsabili segnalati alla Camera di Commercio di Lecce, competente per l’applicazione delle relative sanzioni.

Sono state contestate anche violazioni di carattere penale per illecito smaltimento di rifiuti pericolosi ed elevate sanzioni amministrative nei confronti dei proprietari delle autovetture i quali sono obbligati ad avvalersi, per la manutenzione e la riparazione, di imprese autorizzate ovvero regolarmente iscritte alla Camera di commercio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400