Cerca

Brindisi

«Non ha titoli», l'Asl rimuove
il direttore amministrativo

Decisione dg dopo segnalazione consigliere regionale Fi. La laurea breve non basta

Brindisi, incendiata l'auto di un dirigente della Asl

La laurea «breve» non basta e il direttore amministrativo della Asl viene rimosso. Non è sufficiente la laurea triennale - è stato stabilito - per poter svolgere il ruolo di direttore amministrativo di una Asl. Così il direttore generale, Giuseppe Pasqualone, ha disposto, a quasi due anni di distanza, la revoca della nomina di Giovanni Giannoccaro, che rientrerà con effetto immediato alle dipendenze dell’Azienda ospedaliera - universitaria, policlinico di Bari. Secondo l’esperto interpellato, infatti, chi riveste un ruolo apicale non può avere un titolo di studio di livello inferiore ai propri sottoposti.
A sollevare la questione era stato il consigliere regionale Nicola Marmo (Fi), dapprima nel marzo del 2015, poco dopo la nomina, quando era stato accertato il possesso dei requisiti di Giannoccaro, e poi nell’ottobre scorso. E’ stato infatti verificato che il direttore amministrativo: «al momento del conferimento della nomina era in possesso di una laurea di primo livello, conseguita in data 21.03.2014, e non del diploma di laurea in discipline giuridiche o economiche (vecchio ordinamento) o della laurea magistrale o specialistica al primo equiparata». Il dg brindisino ha infine chiesto un parere all’avvocato amministrativista Ernesto Sticchi Damiani che ha ritenuto il titolo «non idoneo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400